Le Cronache Lucane

CALVELLO, DIFFERENZIATA: ATTIVO IL DISPOSITIVO RIFD

Il vicesindaco Ruggieri: «L’obiettivo è massimizzare il recupero e diminuire problemi ambientali e costi di smaltimento»

A Calvello si attiva un cambio di marcia orientato verso un atteggiamento più attento e responsabile nei confronti dell’ambiente, con trasparenza e correttezza che premia i comportamenti virtuosi.

A spiegare di cosa si tratta è il Vicesindaco Giulio Ruggieri, che dichiara: «a partire da ieri, lunedì 22 febbraio, è stata introdotta un’importante novità che riguarda i bidoni del rifiuto residuo, sui quali sarà applicato un dispositivo elettronico “RFID” che permette di identificare in maniera univoca il mastello dell’utenza. È una nuova tecnologia e metodica che permetterà di migliorare e incrementare la percentuale della raccolta differenziata, che attualmente si assesta al 67%. L’obiettivo è massimizzare il recupero e diminuire la frazione secca indifferenziata e i relativi problemi ambientali e costi di smaltimento».

Cosa consentirà di fare il sistema Radio-frequency identification, lo spiega lo stesso Vicesindaco: «durante la raccolta gli operatori leggeranno i dati dell’utente e il conferimento puntuale con l’eventuale difformità inoltre localizzate e fotografabili. La tariffa puntuale è un sistema di calcolo della tariffa rifiuti (TA.RI) che non si basa esclusivamente sul metodo presuntivo e sul criterio dei metri quadrati dell’immobile, ma è correlato alla reale produzione di rifiuti. È facile comprendere come si tratti di un metodo che va a premiare i comportamenti virtuosi degli utenti, capaci di differenziare correttamente e di ridurre quindi al minimo i rifiuti non riciclabili» conclude Ruggieri.

Le Cronache Lucane
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com