Le Cronache Lucane

APT: «TURISMO LUCANO, AVANTI CON GIUDIZIO»

Bilancio parziale della stagione estiva in Basilicata da parte del direttore generale dell’ente, Antonio Nicoletti


Superato Ferragosto, con l’estate che si avvia al tramonto, si può trarre un primo bilancio della stagione turistica in corso per quel che concerne il flusso di visitatori che ha scelto la Basilicata. A farlo è il direttore dell’Azienda di Promozione del Territorio lucana, Antonio Nicoletti.

«È stata da poco resa pubblica l’indagine annuale Demoskopika sull’attrattività delle regioni italiane: la Basilicata – ha detto Nicoletti – è entrata nella top ten nazionale recuperando due posizioni rispetto alla scorsa stagione, posizionandosi quasi ex-aequo con Puglia e Sardegna e superando regioni come Lombardia e Piemonte. È un risultato che testimonia la qualità del nostro sistema turistico e la bontà delle azioni poste in essere in questi mesi difficili».

Come previsto durante il periodo del lockdown il flusso turistico ha avuto un avvio lento fino a inizio luglio con i primi gruppi di escursionisti, che timidamente iniziavano a frequentare la regione nei weekend di giugno.

«A luglio Matera – ha detto il direttore dell’APT – si confermava, nei sondaggi nazionali, tra le prime città d’arte ad essere oggetto di interesse da parte dei viaggiatori, registrando nei primi 15 giorni di agosto quasi duemila visitatori, di cui il 15% di stranieri.

Con luglio, alla riapertura delle strutture costiere, Maratea e il Metapontino hanno iniziato a fare come sempre la loro parte, traghettando la Basilicata turistica verso il tutto esaurito di queste settimane di agosto».

Se è fuori luogo parlare di stagione “positiva”, ha aggiunto Nicoletti considerati i traumi che le nostre imprese hanno subito nel periodo di chiusura e considerata la riduzione dei posti letto per rispettare le misure anti-covid, lanciato comunque un segnale positivo.

«Innanzitutto possiamo dire, con ottimismo, che siamo di fronte a un sistema turistico maturo e responsabile in tutte le sue componenti, imprenditoriali e istituzionali, pubbliche e private – ha detto -.

È ancora presto per fornire numeri attendibili sulle performance del sistema ricettivo, ma se le statistiche sugli insight di Facebook ci dicono che siamo terzi a livello nazionale per interazioni, dietro solo a Sicilia e Trentino, e se gli operatori di alcune aree, in particolare quelle interne registrano in questi giorni addirittura più turisti che nel 2019, allora possiamo affermare che le azioni messe in atto stanno dando i loro frutti».

In sintesi un turismo lucano che poggia su l’interesse verso Matera, sul mare e sui borghi considerando inoltre tutta la fetta del turismo internazionale fermo a causa del Covid.

«È necessario operare su più livelli per connettere, formare, innovare e creare servizi. Su questa linea – ha concluso Nicoletti – continueremo a lavorare con le istituzioni, con gli operatori del settore e con le loro rappresentanze».

 

Le Cronache Lucane
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com