Le Cronache Lucane

BARI: DISCARICA IN CAPANNONI IN DISUSO

Due denunce, attività abusive di ‘svuota cantine’ con mercato dell’usato


Avevano allestito in un capannone su via Bruno Buozzi a Bari un mercato abusivo di oggetti usati e organizzato una attività di gestione di rifiuti non autorizzata depositando in modo incontrollato rifiuti urbani, rifiuti speciali pericolosi e non, derivanti da attività non regolamentate e impropriamente note come “svuota cantine”, oltre a realizzare vere e proprie discariche abusive. Due persone, responsabili di due diverse aziende aventi come oggetto sociale la compravendita di oggetti usati, servizi di trasloco e facchinaggio, sono state denunciate dalla Polizia locale di Bari per reati ambientali e violazioni al testo unico sull’edilizia, per aver realizzato anche 20 box in muratura e in legno adibiti a deposito di oggetti in disuso.

L’indagine, denominata “Vintage” e svolta in collaborazione con i carabinieri forestali, è partita dall’osservazione di movimenti sospetti di veicoli che accedevano a siti abbandonati nella zona industriale di Bari dove depositavano materiale di demolizione e mobili, parte dei quali riversati in un macchinario, tipo frantoio macinatutto, con cumuli di truciolame disseminati nelle aree aperte. Tra i rifiuti rinvenuti nei diversi siti controllati anche pezzi di carrozzeria, scarti di giardinaggio, elettrodomestici, bidoni con residui di vernici, bombole di propano liquido, materiale tessile, pellicole di film e materassi.

Tre le aree aziendali poste sotto sequestro giudiziario, su una superficie complessiva di circa 20 mila metri quadrati, compreso un intero compendio immobiliare in territorio di Modugno. Oltre ai due denunciati, sono state identificate una decina di persone per le quali sono in corso verifiche sulla regolarità del rapporto di lavoro, contributiva e sul rispetto delle norme sulla sicurezza.

Le Cronache Lucane
error: Contentuti protetti