Le Cronache Lucane

“IL LAUREATO”, UN CULT CON UN PIZZICO DI BASILICATA

DI LEONARDO PISANI Il regista non si sarebbe mai aspettato un successo, poiché tutto sembrava remare contro sin della’inizio. Figurarsi

DI LEONARDO PISANI

Il regista non si sarebbe mai aspettato un successo, poiché tutto sembrava remare contro sin della’inizio. Figurarsi a immaginarsi che avrebbe ottenuto l’Oscar per il miglior film.  Una cosa però sapeva bene, in quel periodo ascoltava, quasi in modo ossessivo, un duo e li voleva come autori della colonna sonora. Si chiamava Simon & Garfunkel, Il casto doveva essere prestigioso, Doris Day nel ruolo di Miss Robinson, Robert Redford in quello di Ben. Ma Doris Day rifiutò sdegnata il ruolo di una donna di dubbi costumi e poi fu scartato il biondo Redford: troppo bello e figo per interpretare l’imbranato Ben. Per il ruolo del padre di Ben si pensò a un attore conosciuto ma non era una star. Si chiamava Ronald Reagan, qualche anno dopo sarebbe diventato l’uomo più potente del mondo e l’artefice dell’edonismo reganiano.

Sono cinquanta anni esatti da quando uscì nelle sale quel film, divenuto un cult per una concatenazione di cause e concause. La musica, il film si apre con Sound of Silence, i vocalizzi di Art e il fingerpicking di Paul crearono una magia musicale. A pensare che iniziarono la carriera facendosi chiamare “Tom and Jerry”, come i cartoni animati. Qualche anno dopo nel 1981 richiamarono 400 mila persone al concerto a Central Park di New York. Ma tutto questo il regista Mike Nichols, non poteva saperlo. Per le parti principali furono chiamati un giovane attore poco conosciuto, un certo Dustin Hoffman per Ben, il giovane rampollo appena uscito dal college e l’affermata Anne Bancroft – Oscar 1963 per Anna dei Miracoli – nella parte della maliarda Mrs. Robinson, che sedurrà Benjamin.  Il triangolo delle relazioni prevedeva anche Elaine (Katharine Ross) figlia della Robinson della quale Ben s’innamorerà alla follia. Tra le scene “mitiche” del film, la corsa spericolata di Ben prima a bordo della sua Alfa Romeo Duetto e, poi aver consumato la benzina, correndo per trovare la chiesa, dove Elaine si deve sposare. Ma arriva dopo il fatidico sì… Urla, botte con i parenti dello sposo e i due innamorati scappano via, tra lo sdegno e la sorpresa degli invitati. Destinazione? Rimarrà un mistero: da qualche parte remota degli State. Curiosità: le età dei protagonisti, nel libro e film La Robinson è una donna di mezza età, Ben dovrebbe avere sui 20 anni e così Elaine . In realtà Anne Bancroft aveva 36 anni e Hoffman doveva compierne 30. Katharine Ross ne aveva 27. Anche se in Italia è conosciuto come “Il Laureato”, il titolo originale era “The Graduate”, Ben ha 20 anni, torna da un college – non da un’università – con una borsa di studio per laurearsi. Ci cascò nell’errore anche il Corriere della Sera. Poi l’Alfa Romeo Spider, la “duetto” nonostante gli sforzi della casa produttrice, ebbe il boom commerciale grazie al film. « Suo padre gli ha comprato un’Alfa Romeo. Capito che roba !? » diceva la mamma di Ben, anche la spider poi diventò una star di Hollywood, impiegata in oltre 300 pellicole. Poi la musica, rimasta immortale, dal saluto al crepuscolo “Hello Dark my friend” di Sound of Silence- in realtà scritta da Paul Simon nella penombra del suo bagno….  E poi Mrs Robinson, altra mitica canzone. E lì c’è anche un po’ di Lucania con Anne Bancroft…

ANNE BANCROFT DA MURO LUCANO, LA DIVA CHE PREFERI’ LA FAMIGLIA A HOLLYWOOD

DI  EMANUELA CALABRESE 

 

Fermamente convinta della superiorità femminile, quando le chiedevano perché avesse preferito la famiglia a Hollywood, rispondeva con una voce resa vellutata da 40 sigarette al giorno: «Stare a casa ad accudire i figli è il lavoro più importante del mondo. Perché le donne non dovrebbero farlo, visto che sono le migliori tra i due sessi?». A dispetto del cognome La Bancroft era italiana, anzi lucana. «Sono figlia della prima generazione di immigrati italiani negli Stati Uniti – l’attrice raccontava  in un intervista impossibile a  – la mia famiglia era originaria di Muro Lucano un paesino in provincia di Potenza. Il mio nome vero è Anna Maria Louisa Italiano e sono nata a New York, nel quartiere dei duri con la mascella volitiva… ovvero il Bronx»

Anne ha portato un po’ di Muro Lucano con sé nella grande Hollywood del glamour, delle produzioni  faraoniche, delle  vere grandi star degli anni 50. Già, perché l’attrice premio Oscar,  candidata al Golden Globe e  pluripremiata a Cannes, aveva sangue murese da parte di madre, e mai dimenticherà le sue origini, progettando un viaggio per l’Italia che la portasse fino a Muro.

In America Anne studia danza e di recitazione all’American Academy of Dramatic Arts di New York, assumendo momentaneamente il nome d’arte di Anne Marno, e frequenta l’Actors Studio che le permette di recitare nei più grandi teatri di Broadway, una delle tante accanto a Henry Fonda, pièce per cui si guadagnò un Tony Award.

Talento e bellezza sono dalla sua, ed a soli 21 anni esordì con Marilyn Monroe nel film “La tua bocca brucia,”nel tempio del cinema di Hollywood. Sul grande schermo e nella cinematografia diventa stella indiscussa, girando in tutta la sua carriera ben 52 film fino al 2001, e 6 famose pellicole per la tv tra cui  Gesù di Nazareth, con la regia di Franco Zeffirelli nel ’77.

Le sue umili origini, madre centralinista e padre sarto, non le hanno impedito di realizzare il suo più grande sogno costellato di illustri registi e grandi riconoscimenti. Così nel 1964 vinse per la seconda e terza volta il premio Miglior attrice straniera e Miglior attrice protagonista al festival del Cinema di Cannes, rispettivamente con Frenesia del piacere, e  84 Charing Cross Road.

Nel 1965 e ’68 si aggiudica i Golden Globe Migliore attrice in un film drammatico con Frenesia del Piacere.

 

La vita privata fu non meno vivace di quella pubblica e nel 1953 sposò Martin May, ma l’unione durò soltanto 4 anni. Il vero amore  arrivò nel 1964 quando il  5 agosto, convolò in seconde nozze con il regista  Mel Brooks col quale ebbe un figlio e girò ed interpretò anche alcuni celebri film. “Ci sposammo nel municipio di New York, in una cerimonia praticamente semiclandestina. Pensi che fermammo dei passanti per strada chiedendo loro di farci da testimoni per le nozze. Più che bizzarro, lo definirei unico!”

Nel 1980 scrive, dirige e interpreta il suo unico film da regista Pastasciutta amore mio, in cui rende omaggio alle sue radici italiane. Pare difatti che Anne, appena potesse rispolverava la sua italianità, cercando di parlare anche quel suo italiano un po’ maccheronico.

E proprio col marito , negli anni ’90 parte per un tour dell’Italia, che prevede, tra le tappe, anche quella lucana, con il ritorno alle origini. Ragioni a noi sconosciute, però, deviarono il percorso di viaggio e Anne morirà, il 6 giugno 2005 per un tumore all’utero, senza mai metter piede a Muro Lucano  Fonti http://www.liberaeva.com/intervisteimpossibili/AnneBancroft.htm di Adamo Bengivenga

 

 

 

 

Le Cronache Lucane
error: Contentuti protetti