Le Cronache Lucane

MORTE DI ANNAMARIA SORRENTINO, CRIMINOLOGA URSULA FRANCO: LE PAROLE DEL PROCURATORE CAMILLO FALVO INASCOLTATE, I SOLITI GIORNALISTI SEMPRE PRONTI A DISTRUGGERE LE VITE ALTRUI

Abbiamo sentito in merito la criminologa Ursula Franco che è consulente della difesa di Paolo Foresta, marito di Annamaria Sorrentino, indagato per omicidio preterintenzionale insieme all’amico della coppia Gaetano Ciccarelli Leggi tutto

Architetto Alfredo Balasco : sulla triste vicenda del complesso settecentesco di Giugliano (NA)

Occorre che si arrivi al più presto ad una legge nazionale volta non solo a vincolare interamente i centri storici, ma che dia indicazioni sulla catalogazione, sul recupero, il restauro e le strategie economiche da adottare per iniziare una vera e concreta attività di interventi diffusi sul patrimonio edilizio storico Leggi tutto

MORTE DI MARIA UNGUREANU, INCIDENTE PROBATORIO, CRIMINOLOGA URSULA FRANCO: MARIA NON È STATA UCCISA, PERCHÉ SI PARLI DI MOVENTE IN UN CASO DI MORTE ACCIDENTALE È UN MISTERO

È venuto il momento che Daniel Ciocan torni a condurre una vita normale, perché non solo non è suo lo sperma trovato sulla maglietta in uso esclusivo a Maria e sulla coperta del suo lettino, ma il Ciocan non incontrò più la Ungureanu dopo averla accompagnata a casa intorno alle 20.00 del 19 giugno 2016, né si trovava a San Salvatore Telesino quando la bambina affogò, le analisi effettuate sulle celle telefoniche e sul GPS parlano chiaro, Daniel era a Castelvenere Leggi tutto

Coronavirus a Napoli, contagiato il direttore di malattie infettive del Policlinico Prof. IVAN GENTILE

Sanificazione Policlinico Sono state avviate le procedure di sanificazione dell’istituto di malattie infettive all’interno del Policlinico. Oltre al professor Ivan Gentile risulta contagiata anche una sua collaboratrice Leggi tutto

MORTE DI MARIA UNGUREANU: INCIDENTE PROBATORIO, ENNESIMO RINVIO, CRIMINOLOGA URSULA FRANCO: CASO CHIARO DA SUBITO

Concordo in pieno con le conclusioni del professor Francesco Introna, chiamato a pronunciarsi dalla procura di Benevento, il quale ha sostenuto che “la causa del decesso (di Maria) debba attestarsi in morte asfittica rapida per annegamento e, segnatamente avendo escluso la ricorrenza a favore di una ricostruzione diversa e compatibile con l’azione causale contestata agli indagati, tanto in considerazione dell’assenza di lesioni contusive a livello del capo e degli arti e pertanto dell’assenza di segni di combattimento con l’acqua o in acqua” in poche parole, Maria non è stata uccisa Leggi tutto
Le Cronache Lucane
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com