Le Cronache Lucane

LA FEDERAZIONE ASSOCIAZIONI LUCANE NEL MONDO SCRIVE A CICALA

Proposte per avvicinare i giovani al tema dei “Lucani nel Mondo”

Signor Presidente Carmine Cicala in occasione della sua venuta in Svizzera, per il XIV congresso nazionale della Federazione delle Associazioni Lucane in Svizzera il 17 novembre 2019, nei suoi interventi ha usato due parole chiave “Giovani e Cambiamento ”. Per far si, che queste due parole possono prendere forma, ha seguire, nei suoi interventi, ci ha sollecitato affinché, entro il mese di gennaio 2020 potessero giungere sulla sua scrivania, i nostri progetti e proposte da individuare in ambito della Federazione Lucana in Svizzera. Ebbene con la presente nota, intendiamo seguire le sue sollecitazioni, sottoponendo alla sua cortese attenzione quando segue:

  1. Giovani: Signor Presidente Carmine Cicala, come Lei sa, la nostra Federazione è stata ed è pioniere per l’attenzione rivolta ai giovani, non a caso, se nel nostro ordinamento regionale e contemplato il “Forum dei giovani” istituita con la L.R. n.20 del 06 agosto 2008, é oggi viviamo la presente conquista, questo risultato è anche grazie all’impegno della Federazione Lucana in Svizzera. A seguire, se a tutt’oggi, come possiamo vedere, non ha fatto presa, come tutti avremmo voluto raccontare, è solo perché, chi, in questi anni ha presenziato la Commissione dei lucani nel mondo, fatto eccezione per qualche distinguo, da parte di altri Presidenti, il forum dei giovani è stato ignorato, tranne che in qualche occasione ufficiale, per la quale non ne hanno potuto proprio fare a meno, di considerarlo. Ecco perché, se in questo momento viviamo un momento di stasi, il motivo stà proprio nella poca considerazione dimostrato in questi anni, da parte di chi avrebbe dovuto vigilare sul cammino del Forum dei giovani. In questo clima nonostante lo sforzo delle nostre Associazioni e Federazioni nell’avvicinare i giovani all’emigrazione Lucana nel mondo, l’entusiasmante slancio iniziale, con il tempo è andato scemando, il tutto si puo` racchiudere in una sola parola “delusione” primo esempio. Secondo esempio: precisato il parziale fallimento del primo, tutto di carattere regionale, il secondo è di carattere comunale, purtroppo nei nostri comuni, non tutti per fortuna, il rapporto con i propri concittadini all’estero non è sempre famigliare, in tanti comuni infatti adottano comportamenti a dir poco inquietanti, con questo stato d’animo, visto che in casa se ne parla, risultato, ha allontanati ancor di piu` le giovani generazioni dall’avvicinarsi alle nostre Associazioni e Federazioni. Terzo esempio: La L.R. n. 16/2002 alla lettera “D” dell’Art. 5 composizione della CRLM, prevedeva la partecipazione di un rappresentante dell’Università di Basilicata, poi cancellato. Atto da irresponsabili. Cosa è successo, qualche mese dopo dell’insediamento della passata legislatura, l’allora neo-eletto consiglio regionale, bene hanno fatto, cioè male, quali nuovi Amministratori della Regione, con la L.R. n. 7/2015 hanno depennato dalle riunioni della CRLM il rappresentante dell’Università di Basilicata. Per noi Lucani in Svizzera o nel mondo, questa collaborazione con l’Università é fondamentale, perché molte cose importanti possono essere fatte in collaborazione per dare una svolta, cambiare e migliorare i rapporti tra residenti e non residenti. Esempio: proporre borse di studio in collaborazione dell’Università di Basilicata sul fenomeno del mondo dell’emigrazione è fondamentale, per capire il passato, gestire il presente e proiettarci nel futuro. Aver escluso l’Università quale membro attivo della nostra CRLM, non è stato un gesto di distenzione, ma d’impoverimento per tutti. Percio` Signor Presidente prima della prossima riunione annuale della CRLM, è opportuno che l’Università di Basilicata venga rintregrata come membro attivo nella CRLM. L’iniziativa di proporre una borsa di studio, aiuterebbero i giovani residenti e non residenti, non solo a conoscersi meglio, ma approfondire le tematiche del mondo dell’emigrazione, che oggi, si tente a dimmenticare e cancellare il bene fatto e ancora attuale di noi Lucani nel mondo. Signor Presidente questa idea della borsa di studio, non è cosa da poco per alimentare il suo/nostro progetto rivolto ai giovani per coinvolgerli attivamente. Inoltre, Signor Presidente le segnalo quando segue: lei prova a fare in prima persona, un sondaggio con i giovani Lucani residenti, se conoscono il fenomeno emigratorio Lucano nel mondo, ahimé si accorgerà, che una grandissima parte non sanno neanche che esistiamo, altri invece, si accorgerà che ci scambieranno per extra comunitari. Signor Presidente con questo ultimo, ma non ultimo esempio, vengo alla seconda parola “Cambiamento” che in questo caso riguarda esclusivamente il tema giovani. Signor Presidente vorrà avere soddisfazione su questo suo obbiattivo, come lo desideriamo anche noi, allora coltiva/coltiviamo bene il “il forum dei giovani”. Attraverso l’Anci incontri i Comuni per sollecitarli a cambiare atteggiamendo nei confronti, con i propri concittadini all’estero, cosi ci aiuterai ad avvicinare i giovani di origine Lucana alle nostre “Associazioni e Federazioni” Proponi una nuova modifiva della legge Regionale, per far ritornare “l’Università” parte integrante della CRLM. Signor Presidente intervenga su questi tre tema, che riguardano i nostri giovani Lucani dentro e fuori i confini, e il “Cambiamento” non tarderà ad arrivare.
  2. Proposta di Legge Regionale Imu e Tare: ad inizio gennaio 2020 sul suo tavolo, come sul tavolo di tutti i Consiglieri Regionali, la Federazione Lucana in Svizzera, vi ha fatto giungere una proposta per venire incontro ai Lucani nel mondo: cioè quello di provvedere ad approvare una Legge Regionale che prevede le agevolazioni Imu e Tare per i Lucani iscritti all’Aire dei propri comuni. Praticamente fare cio` che non è stato in grado di fare il Parlamento Italiano. Sarà una cosa fattibile, non sarà fattibile il tempo è galantuomo e come sempre ci dirà la verità. Noi come Federazione Lucana in Svizzera, consigliamo di farla diventare fattibile, anche in virtu` del fatto, che quando si parla di cambiamento, qualche cosa di diverso, da chi vi ha preceduti deve pur avvenire, altrimenti rimangono solo sempre chiacchere. Noi siamo sempre disponibili per un confronto e contributo logistico.
  3. Recupero contributi regionali: un segnale forte di collaborazione tra Federazioni/ Associazioni Lucane nel mondo e la Commissione, passa anche dal ripristino del contributo regionali per le Federazione e Associazioni pari a Euro 500.- cadauno, depennato nella riunine annuale del marzo 2018, contributo indispensabile a sostegno delle strutture associativa dei Lucani nel mondo. In ugual misura, anche il ripristino del contributo del turismo di ritorno o delle origini, come viene definito di questi tempi. Per correttezza e trasparenza si intente ricordare che, il 26 febbraio 2019 a Matera, in piena attività di Matera 2019, tutti noi, rappresentati del tessuno associativo Lucano nel mondo, nella riunione annuale della CRLM, siamo stati insigniti di Ambasciatori della Regione Basilicata nel mondo, anche in questo caso, quando veniamo riconosciuti come tali, significa che, come primo punto dobbiamo essere presi in considerazione. Secondo: avere gli strumenti adatti per adoperarci concretamente, altrimenti resta un titolo vuoto. Sono cose elementari, che se, non si alimentano adeguatamente con convinzione, rimane tutto come prima, altro che cambiamento.
  4. Prossima riunione della CRLM: Signor Presidente auspichiamo e suggeriamo di programmare la riunione annuale della CRLM, non a maggio come da vosto auspicio, ma al massimo entro fine marzo, inizio aprile, per far in modo che, l’iter del programma approvato nella riunione annuale della CRLM, possa seguire il cammino nelle istituzioni preposte con una certa celerità, per poi seguire e concretizzare i programmi che, ogni singola Federazione o Associazione a posto in essere nella richiesta di contributo, fatto pervenire all’ufficio regionale competente entro il 31 gennaio. Non come i contributi del 2019, che a inizio 2020 non è stati ancora ne apprvati, tantomeno rimborsati quelli anticipati, per onorare gli impegni presi per il 2019, nei paesi esteri di nostra competenza Percio` vi sollecitiamo di anticipare i tempi.
  5. Forum dei giovani: nella scorsa riunione annuale della CRLM il forum dei giovani uscente, in un loro documento hanno presentato tre proposte. Primo: aumentare l’età massima dei membri del Forum dei giovani dagli attuali 32 anni a 37 anni. Secondo: promuovere stage per scambi professionali e creazione di un data base online per scambi lavorativi. Terzo: ideazione di un “tripadvisor” lucano per creare una piattaforma virtuale alla quale aggangiare le diverse attività che si svolgono in Basilicata. Insomma, Signor Presidente non appena il nuovo forum dei giovani si insedierà, lo stesso possa partire dalla concretezza di queste tre proposte, che i nuovi componenti ricevono in eredità dal Forum giovani uscenti.
  6. Vice-Presidenza: sempre nella scorsa riunione annuale della CRLM è stata avanzata la proposta, per dare piu` contenuto e responsabilità alle Federazioni Lucane nel mondo, per arrivare al presente traguardo, si chiede di nominare un Vice-Presidente della CRLM, che provenga proprio dalle Federazioni Lucane nel mondo. Si spera che la presente proposta, possa essere oggetto di interesse, in una prossima modifica della L.R. n. 16/2002.
  7. Voto per corrispondenza: da diversi anni, come Federazione Lucana in Svizzera ci battiamo per ottenere il voto per corrispondenza, come Lucani nel mondo. Pero` i Governi di centro sinistra, che hanno governato la nostra regione in questi ultimi anni, hanno sempre fatto orecchie da mercanti. Ora alla base di una nuova maggioranza, che ha costruito il proprio successo elettorale sulle parole “Cambiamento e Rinnovamento”chissà, forse è giunto il momento, che questa nostra richiesta possa essere esaudita. Signor Presidente, visto che Lei è anche un Consigliere Regionale, auspichiamo, dal doppio ruolo che riveste, questa nostra richiesta, possa finalmente prendere corpo, é possa concretizzarsi quando prima. Il tempo e sempre galantuono e ci dirà la verità.
  8. Iniziative concrete per rilanciare la Regione Basilicata: affinché la nostra regione possa iniziare a crescere e a limitare lo spopolamento dei nostri Comuni, soprattutto quelli interni e di montagna, bisogna rimodernare le arterie autostradali e ferroviarie, in prospettiva progettarne altre. É assurdo che, per certi versi, è in alcune parti dei territori regionali, si ha la sensazione di abitare nel terzo mondo, se non ci adoperiamo la nostra regione non decollerà mai, nonostate le variegate ricchezze, che la natura ci ha messo a nostra disposizione, ma comunque non riusciamo a decollare. Siamo certi e consapevoli, che degli impegni istituzionali già esistono in questa direzione, soltanto che, bisogna accellerare i tempi, altrimenti perdiamo il treno e la strada dello sviluppo e della ripresa. Se poi dovesse aggiungersi il taglio dei Parlamentari, che spero che, il popolo Lucano respingerà in massa questa scellerata idea, con il voto referendario, che siamo chiamato ad esprimere entro il mese di giugno, perché confermare questa porcata che, si è delineata in Parlamento, significa che, la nostra regione, sarà per sempre tagliata fuori da tutto. Seguendo il ragionamento, dal momento che, in Basilicata e oramai escluso da tempo, che possiamo avere un’aereoporto tutto nostro, tranne quello di Pisticci per il trasporto merci. A nostro parere, come Federazione Lucana in Svizzera, dobbiamo intensificare la collaborazione con gli aereoporto internazionale di Bari e di Napoli, altro che devolvere soldi pubblici e inutili all’aereoporto di Pontecagnano, credo/crediamo che sia giunto il momento di cambiare strategia. Vi invitiamo a non fare gli stessi errori di chi, vi ha preceduti. Vi sollecitiamo ha ripristinare il volo Zurigo-Bari, magari nel periodo novembre/marzo tre volte a settimana, mentre nel periodo aprile/ottobre giornaliero. Mentre la linea Zurigo/Basilea/Napoli e già competitiva. In ambedue le tratte, Pero`, bisogna solo prevedere collegamenti efficienti con treni o autobus per raggiungere la Basilicata, comodamente. Per il turismo e non solo, sarà una grossa boccata d’ossigeno.
  9. Conti dormienti – Trasferimento risorse ai Comuni, anche per gli iscritti all’Aire. Come Federazione Lucani in Svizzera già da qualche anno, tramite la CRLM sollecitiamo l’Anci di Basilicata e i singoli Comuni affnché queste due voci possa esserci una boccata d’ossigeno non di secondo piano per i singoli Comuni, ma sostanziose entrate. Purtroppo fino ad oggi non siamo riusciti ad avere nessun riscontro concreto. Spero che con il nuovo insediamento della nuova CRLM, possiamo avere piu` soddisfazione. Queste sono le nostre proposte: “Conti Dormienti” Come tutti sappiamo, i presenti conti dormienti, se nell’arco di 10 anni non vengono movimentati, alla scadenza dei 10 anni, vengono depositati in un conto collettivo dello Stato, noi invece chiediamo, che vengono depositati in un conto collettivo regionale, se negli ulteriori 10 anni nessuno li reclama, i predetti fondi vengono requisiti dallo stato. Per noi Italiani e Lucani nel mondo, questa procedura è inaccettabile, perché un Stato un puo` rastrellare fondi di leggittima e sana provenienza dei propri cittadini. Se, questi fondi nell’arco di questi 20 anni non sono reclamati da nessuno, questi fondi devono essere devoluti al Comune di ultima residenza del correntista. Alla base della presente premessa, come Federazione Lucana in Svizzera, chiediamo ai vertici della CRLM di sollecitare l’Anci di Basilicata, affinche questo scembio nei confronti dei Lucani nel mondo, smette di esistere. Perché guarda caso, siamo proprio noi Lucani nel mondo a rimetterci i nostri averi. Mentre per i risidenti, prima della scadenza dei 10 anni vengono informati, noi invece non veniamo informati da nessuno, pertanto nella stragrande maggioranza dei casi a rimetterci gli averi, come precedentemente riportato, siamo solo noi, Lucani nel mondo. Percio` la nostra Federazione, suggerisce il caso alla CRLM, come in questa nota, che a sua volta, di comune accordo con l’Anci deve far fronte comune per risolvere questa grossa ingiustizia. Secondo tema: Trasferimento delle risorse dallo Stato ai Comuni, non solo per i residenti, bensi anche per gli iscritti all’Aire dei singoli Comuni. Anche in questo caso la Federazione mette in evidenzia questa defezione, che al pari dell’esempio precedente trasmette alla CRLM, che a sua volta deve sollecitare l’Anci, affinché si impegna a trasferire la presente anomalia allo Stato, affinché il presente ostacolo venga rimosso. Pertanto, ne la Federazione, ne la CRLM, ne l’Anci possiamo fare orecchie da mercanti, al grido d’allarme lanciato dai nostri corregionali, facendo finta che il problema non è di nostra competenza, invece lo è, é come, sia per la salvaguardia dei diritti dei propri corregionali, che per le casse comunali. Con la nuova composizione della CRLM, spero saremo capaci di risollevare separatamente i due temi in oggetto, ma risolverli in un lasso di tempo breve, senza se e senza ma.
  10. Disservizi postali, idrici e il rapporto con gli uffici ubicati sul territorio regionale: anche questi temi sono di grande attualità tra i Lucani in Svizzera e non solo, naturalmente dove esistono stretti contatti con i propri paesi d’origine. Disservizi Postali: In tanti, ma in tanti casi, sul territorio regionale, succede che, le nostre bollette vengono smarrite o non recapitate all’indirizzo dell’interessato, percio` morale della favola, non possiamo adempiere al pagamento della bolletta stessa, perché ignari di averla ricevuta, che a sua volta, in secondo tempo, visto che non è stata pagata, in questo caso ci viene fatto recapitare all’indirizzo estero, una nuova bolletta, corredata da spese aggiuntive, senza che, la colpa e nostra. Anche in questo caso, da impegno comune la Federazione, la CRLM, l’Anci, dobbiamo provvedere a rimuovere il presente problema, perché è diventato insopportabile. Disservizi idrici: in questo caso come Federazione, Crlm e Anci è arrivato il momento di sollecitare l’acquedotto lucano a porre fine a questo scembio estivo e non solo. Non si puo` venire in Basilicata nel periodo estivo o in altri periodi e trovarsi senza erogazione dell’acqua, questo significa costringere noi cittadini di origine Lucana e non solo, ha non venire piu` in Basilicata. Siccome in questo documento, ci proponiamo, cosi come ci siamo proposto da sempre, di risolvere le sorti della nostra regione e dei comuni, soprattutto quelli interni e di montagna, con questa inefficenza e scarsa collaborazione da parte delle strutture chiamate in causa, vi assicuriamo, che cosi facendo non arriviamo da nessuna parte. Percio` svegliamoci e lavoriamo insieme per un cambiamento compiuto. A seguire subbentra anche il rapporto con “gli uffici pubblici di ogni ordine e grado al servizio dei cittadini sul territorio regionale”. Questa segnalazione e una segnalazione di carattere burocratica. Mettiamo a frutto il concetto: Tutti noi come cittadini iscritti all’Aire, non siamo in possesso della Tessera Sanitaria, pertanto non in nostra dotazione, negli uffici pubblici di ogni ordine e grado, se dobbiamo fare una commissione, ci viene richiesta questa benedetta Tessera Sanitaria, naturalmente la risposta è: noi iscritti all’Aire non siamo in possesso della Tessera Sanitaria, ma siamo in possesso del Codice Fiscale, in molti casi, la resistenza di questi impiegati e tale da innervosire anche le persone piu` tranquille di questo mondo. Morale della favola, anche in questo caso, come CRLM bisogna intervenire con circolare su tutti gli uffici pubblici, affinché prendono coscienza della differenza che passa tra un residente e un non residente. Per evitare incomprensione da un lato, é scardinare una certa ignoranza dall’altro.
  11. Commissione Petrolio: da qualche anno a questa parte nell’ambito della struttura della Federazione Lucana in Svizzera, la stessa si è dotata di una Commissione Petrolio, con l’intento di monitorare e venire a conoscenza dell’andamento dei lavori d’estrazione del petrolio, con le migliori garanzie di salvaguardia sulla sicurezza del lavoro e naturalmente dell’ambiente. Pertanto due volte all’anno chiediamo delucidazioni al Dipartimento Ambiente ed Energia della Regione Basilicata, sull’andamento delle sopra citate garanzie. A tale proposito dal citato Dipartimento fino a questo momento abbiamo avuto risposte e rassicurazioni sul lavoro e sull’ambiente, ma continua a sollecitarci, di non scrivere piu` a tale Dipartimento, ma acquisire le informazioni direttamente dai siti Web, che comunque per noi non è la stessa cosa, percio` desideriamo continuare a sapere dalla fonte ufficiale, cioè dal dipartimento ambiente ed energie della Regione Basilicata le notizie che chiediamo. Pertanto Signor Presidente Carmine Cicala ci rivolgiamo a lei, affinché possa intervenire sul citato Dipartimento, per continuare a ricevere le notizie, direttamente dalla fonte ufficiale, non dai siti web.

Documento suggerito e elaborato per il Presidente della CRLM Carmine Cicala, dalla Federazione Lucana in Svizzera nella riunione di Federazione svoltosi sabato 18 gennaio 2020.

A nome di tutti Il Presidente di Federazione Ticchio Giuseppe

 

 

 

 

 

Le Cronache Lucane
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com