Le Cronache Lucane

BLACK OUT FERMA LA GIUSTIZIA TILT INFORMATICO IN TRIBUNALE

Civile in stallo, come già accaduto a luglio ancora una volta l’arresto nella sala server 

Giustizia telematica e Covid-19: in tilt il Tribunale di Potenza. La comunicazione originaria l’ha fatta la Direzione generale per i Sistemi informatici automatizzati che ha informato come nel tardo pomeriggio di martedì scorso, «si è determinata una interruzione dei servizi informatici di cancelleria in numerosi distretti, tra cui quello di Potenza, con necessità di verifica e di ripristino». In tilt la sala server nazionale di Napoli.

Un black out che ha coinvolto non soltanto il Distretto di Potenza, ma anche quelli di Catanzaro, Reggio Calabria, Salerno, Campobasso, Bari e Lecce. Analogo black out, alla sala server nazionale di Napoli si era verificato anche nel luglio scorso, ed ora è accaduto nuovamente. Forse oggi il ritorno alla normalità, almeno dal punto di vista tecnico e non pienamento operativo, in quanto fino a venerdì scorso, data la nessuna altra info sulla «messa in esercizio» dei servizi informatici, la stessa Dirigente competente del Ministero della prevedeva per ieri la prova finale per attestare il superamento del black out. In caso contrario,continuerà l’impossibilità tecnica per gli avvocati difensori, e anche per gli utenti, di usufruire delle modalità telematiche di deposito degli atti processuali. Ad ogni modo, in via cautelativa, come da indicazione fornite da Napoli, la presidente della Corte di Appello di Potenza, Rosa Patrizia Sinisi, ha già comunicato che comunque il blocco potrebbe durare tutta la settimana in corso e, pertanto, anche oltre «la riattivazione dei registri informatici, per la necessaria attesa dello scarico dei numerosi documenti inviati a sistema e dei relativi adempimenti di cancelleria».

Tra le conseguenze del black out della sala server nazionale di Napoli quella del rinvio delle cause ad altra udienza per consentire il deposito telematico di atti e documenti. Via informatica prioritaria, data la necessità di evitare in periodo di aumento dei contagi da Covid-19 anche in Basilicata, «assembramento nelle cancellerie civili della Corte di Appello», e più in generale, come anche evidenziato dalla presidente Sinisi, «un aumentato afflusso all’interno del palazzo di giustizia di Potenza»nazionale di Napoli paralizza anche la Basilicata

Le Cronache Lucane
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com