Le Cronache Lucane

IRINA SLAVINA SI È DATA FUOCO DAVANTI LA SEDE DELLA POLIZIA IN RUSSIA

I membri dell’opposizione russa hanno sottolineato le pressioni che Slavina aveva subito dalle autorità

Russian Journalist Dies After Setting Herself on Fire

U.S. News & World Report
MOSCOW (REUTERS) – A Russian journalist died on Friday after setting herself on fire in front of the local branch of the interior ministry in the city of Nizhny Novgorod, a day after her apartment was searched by police, her news outlet said.
Prior to her self-immolation, Irina Slavina wrote on her Facebook page: “I ask you to blame the Russian Federation for my death.” Slavina worked as editor-in-chief at Koza Press, a small local news outlet that advertised itself as having “no censorship, no orders ‘from above'”

La giornalista russa muore dopo essersi data fuoco 2 ottobre 2020 Notizie dagli Stati Uniti e rapporto mondiale MOSCA (REUTERS)

Una giornalista russa è morta venerdì dopo essersidata fuoco davanti alla filiale locale del ministero degli interni nella città di Nizhny Novgorod, un giorno dopo che il suo appartamento è stato perquisito dalla polizia, ha detto il suo organo di stampa Prima della sua autoimmolazione, Irina Slavina ha scritto sulla sua pagina Facebook:

“Ti chiedo di incolpare la Federazione Russa per la mia morte”

A day before her death, she wrote on Facebook that police officers and investigators had searched her apartment, writing that they were looking for “brochures, leaflets and accounts” from the Open Russia opposition group, which is financed by Kremlin critic Mikhail Khodorkovsky.

Un giorno prima della sua morte, ha scritto su Facebook che agenti di polizia e investigatori avevano perquisito il suo appartamento, scrivendo che stavano cercando “opuscoli, volantini e resoconti” dal gruppo di opposizione Open Russia, finanziato dal critico del Cremlino Mikhail Khodorkovsky.

She said they seized notebooks, her laptop and other electronics, as well as her daughter’s laptop and her husband’s mobile phone.

Ha detto che hanno sequestrato notebookil suo laptop e altri dispositivi elettronici, nonché il laptop di sua figlia e il telefono cellulare di suo marito Russia’s

Investigative Committee said it was opening a preliminary investigation after a woman self-immolated in Nizhny Novgorod, a city of 1.3 million located some 400 kilometers (250 miles) east of Moscow. It did not name Slavina in its statement.

Il comitato investigativo russo ha detto che stava aprendo un’indagine preliminare dopo che una donna si è autoimmolata a Nizhny Novgorod, una città di 1,3 milioni situata a circa 400 chilometri (250 miglia) a est di Mosca. Non ha nominato Slavina nella sua dichiarazione.

Members of Russia’s opposition pointed to the pressure Slavina had been under from the authorities.

I membri dell’opposizione russa hanno sottolineato le pressioni che Slavina aveva subito dalle autorità.

“Over the past years security officials have subjected her to endless persecution because of her opposition (activities),” opposition politician Dmitry Gudkov wrote on Instagram.

“Negli ultimi anni i funzionari della sicurezza l’hanno sottoposta a infinite persecuzioni a causa della sua (attività) di opposizione”, ha scritto su Instagram il politico dell’opposizione Dmitry Gudkov.

“What a nightmare,” Ilya Yashin, another Kremlin critic, wrote on Twitter. “All of these cases of police amusing themselves, these shows of men in masks – these are not games. The government is truly breaking people psychologically.”

“Che incubo”, ha scritto su Twitter Ilya Yashin, un altro critico del Cremlino. “Tutti questi casi di polizia che si diverte, questi spettacoli di uomini con le maschere – questi non sono giochi. Il governo sta davvero spezzando le persone psicologicamente”

(Reporting by Polina Ivanova, Gabrielle Tétrault-Farber and Anton Zverev; Editing by Mark Trevelyan and Gareth Jones) 

“Vi chiedo di incolpare la Federazione russa per la mia morte”

È stato questo l’ultimo messaggio condiviso su Facebook dalla giornalista Irina Slavina prima di darsi fuoco davanti alla sede locale del ministero degli Interni russo a Nizhny Novgorod.

La giornalista è morta sul colpo, come spiega l’agenzia di stampa Koza Press, di cui Slavina era direttore.

Ieri la polizia aveva perquisito la sua abitazione.


Il motto della Koza Press è quello di informare

“senza censura, senza ordini dall’alto”

 

Le Cronache Lucane
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com