Le Cronache Lucane

POLICORO, L’IMPEGNO DI “VIVIAMO INSIEME”

La Presidente dell’Associazione Tonia Orlando ha illustrato le iniziative intraprese nell’estate 2020


L’Associazione Culturale “Viviamo Insieme” è nata nel Luglio dello scorso anno dall’iniziativa di un gruppo di famiglie , amici e persone con disabilità che «hanno avvertito la necessità di unirsi per poter fare qualcosa di più concreto per loro» – come dichiara la Presidente dell’Associazione Tonia Orlando.
«Inizialmente – continua la Orlando- abbiamo seguito un corso sulle manovre di disostruzione e massaggio cardiaco con l’Associazione “Respiriamo” di Matera, al quale hanno partecipato i ragazzi, gli operatori, che, pur non acquisendo una certificazione, sono stati messi a conoscenza di quel che potrebbe succedere in alcune situazioni. La Provincia ha sposato questo progetto e offerto un rimborso spese per i viaggi degli operatori, in quanto i vari spostamenti avevano un costo».
Dopo il lungo periodo di lockdown, i ragazzi dell’associazione, desiderosi di ritrovarsi e svolgere insieme delle attività, hanno aderito all’evento denominato “Il mare unisce”ideato da Vincenzo Pastore, rappresentante della Motonautica Lucana “Rescue” di Rotondella durante il quale le famiglie, e gli operatori della Rescue, hanno trascorso in sicurezza momenti di relax dapprima nella zona del Lido di Rotondella e successivamente presso il Porto di Marinagri.
«Siamo molto felici di aver avuto la possibilità di far vivere ai nostri ragazzi questa esperienza – dichiara la Presidente Orlando – se i nostri figli vivranno bene nella società, se essa imparerà a non vedere più le differenze tutto potrà essere più semplice, specie la loro integrazione al suo interno».
Un’altra splendida iniziativa che si è svolta questa estate, è stata quella chiamata “Le mie abilità in friggitoria” svoltasi presso la friggitoria “La Perla” di Policoro, durante la quale la squadra dei ragazzi ha servito ai tavoli, e svolto varie mansioni, per l’occasione essi hanno anche preparato alcuni segnaposto insieme ai volontari, distribuendo delle t –shirt con lo slogan “Le mie abilità sono più forti della mia disabilità”.
«Il Progetto cardine dell’ Associazione – conclude Orlando – è quello di aprire una casa delle abilità, un centro socio- educativo residenziale e semiresidenziale nel quale i ragazzi, affiancati e seguiti da un’equipe di esperti, potranno imparare a gestirsi e sviluppare le proprie abilità sia dentro che fuori dalla casa, in un contesto sociale e lavorativo ma per realizzare tutto questo, abbiamo bisogno di finanziamenti, partiremo con delle campagne di raccolta fondi per la gestione dei vari progetti».

Condividi subito

Le Cronache Lucane
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com