Le Cronache Lucane

COVID TRA FUGHE E MINACCE A FERRANDINA

Sale il numero di migranti, alcuni positivi, che lasciano l’Old West. Il sindaco Martoccia diventa il capro espiatorio

Migranti positivi e in fuga. Questo volendo sintetizzare ciò che sta accadendo in Basilicata sul fronte contagi da Covid- 19, mentre sale a 22 il numero dei casi positivi presso l’Old West di Ferrandina scalo. Altri 8 sono i migranti che hanno fatto perdere le loro tracce, facendo così salire ad oltre 40 il totale degli scappati dalla struttura, dove al momento restano una sessantina di persone. Mentre montano le polemiche sul fronte accoglienza, con diverse dichiarazioni di rappresentanti delle istituzioni che hanno criticato la gestione governativa del flusso di sbarchi arrivati in Italia e trasferiti nelle diverse strutture sul territorio, sembra non trovare tregua la questione che riguarda il centro di accoglienza della provincia materana.

Una buona notizia è arrivata della negatività dei tamponi privatamente effettuati su una parte dei 25 operatori della Filef, la cooperativa che ha in gestione l’Old West. Sul punto, come denunciato negli scorsi giorni anche sulle pagine di Le Cronache Lucane, gli operatori avevano dovuto provvedere privatamente a sottoporsi al test di fronte all’assenza di presa incarico da parte dell’Asm. Azienda sanitaria materana che, incassato il colpo, si è resa disponibile solo in un secondo momento a sottoporre a tampone rinofaringeo i restanti 9 operatori, i cui test saranno svolti dalle autorità sanitarie pubbliche. In questo quadro già complesso si aggiunge la triste vicenda che riguarda le minacce rivolte al primo cittadino di Ferrandina, Gennaro Martoccia.

Intervistato, il sindaco ci ha confermato di non essere tanto preoccupato per sé stesso, quanto per la sua famiglia, considerato che l’ultimo episodio che lo ha coinvolto si è verificato nella mattinata di ieri quando, in un luogo pubblico, un suo concittadino lo ha aggredito verbalmente. Solo l’intervento di altre persone ha scongiurato che l’aggressione diventasse anche fisica. Basito Martoccia dalla serie di eventi che lo stanno interessando e che si sommano, oltre alle minacce giunte via social, anche al volantino che l’ex primo cittadino di Ferrandina, ci dice il sindaco, sta facendo circolare il nel paese e che lo accusa di “aver portato il Covid”. «Ho spiegato in tutti i modi come la presenza dei migranti presso l’Old West non è dipesa da una mia volontà anzi – ha aggiunto -, da subito ho fatto presente le mie perplessità sull’opportunità di accoglierlii migranti in un luogo inadatto, come il dismesso hotel». Questione posta sin da subito al prefetto di Matera, Rinaldo Argentieri che ha dovuto ammettere, ha detto Martoccia, di essere stato “troppo leggero” nella decisione. Intanto sulla questione contagi da Covid-19, in attesa del prossimo bollettino, gli ultimi dati forniti dalla task force regionale risalgono all’aggiornamento dello scorso 8 agosto. In quel caso la regionale comunicava che nella giornata che erano stati 237 i tamponi processati per la ricerca di contagio da covid 19. Di questi, 236 sono risultati negativi e 1 positivo.

Il caso positivo riguarda un cittadino straniero in isolamento in una struttura dedicata in Basilicata. Restano dunque 3 i residenti in Basilicata attualmente positivi, si tratta dell’ultimo caso registrato della donna rumena residente a Matera e dei due uomini residenti uno a Moliterno e l’altro a Castelluccio, entrambi casi di contagio di rientro ed entrambi asintomatici ed in isolamento. Fermi a due i casi di pazienti ricoverati presso le strutture ospedaliere regionali. Si tratta sempre delle due donne moldave, di professione badanti arrivate a Moliterno e lì risultate positive al Covid-19, ancora ospitate presso il reparto di malattie infettive del nosocomio potentino. Sale da inizio dell’emergenza sanitaria il numero complessivo di tamponi analizzati che arriva alla cifra di 49.119, di cui 48.524 risultati negativi.

Condividi subito

Le Cronache Lucane
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com