Le Cronache Lucane

SALDI POST CODIV, POCHI ACQUISTI A POTENZA

Tante le persone nei negozi ma la paura di spendere dopo l’emergenza è ancora molta

Dopo che con l’ordinanza numero 28 emanata dal presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi, i saldi venivano posticipati dal consueto primo luglio al successivo primo agosto, già iniziati gli acquisti scontati anche a Potenza. Clienti pronti a prendere quell’abito piuttosto che quell’accessorio tanto desiderato, ma troppo caro per essere comprato a prezzo pieno. Ed allora 20, 30, 50 fino al 70% di sconto per i potentini che vogliono approfittare di quest’ultimo mese di estate anche se è maggiore l’afflusso di clienti che guardano rispetto a quelli che comprano. Tanti infatti sono ancora scossi dalla crisi sanitaria che ha comportato i noti risvolti anche sull’economia di molte famiglie e che preferiscono rinunciare a qualche compera. Saldi non solo sull’abbigliamento ma anche su libri ed oggettistica con il ricordo sempre vivo alle polemiche che, poco più di un mese fa, accompagnò la scelta del governatore Bardi di rimandarne l’inizio. Ed infatti i commercianti del centro storico del capoluogo erano divisi sull’opportunità del provvedimento, tra chi ne apprezzava il tentativo di voler incentivare gli acquisti a prezzo pieno, per sostenere il comparto e chi, d’inverso, valutava la decisione poco opportuna di fronte alla necessità di dover favorire la vendita della troppa merce rimasta in magazzino a causa del lockdown

Condividi subito

Le Cronache Lucane
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com