Le Cronache Lucane

SULLE FIAMMATE A TEMPA ROSSA INTERVIENE SUMMA

Per il segretario generale Cgil Basilicata necessaria maggiore attività di controllo da parte della Regione Basilicata

L’ultima di una serie di fiammate anomale fuoriuscite dallo stabilimento Total di Tempa Rossa a Corleto Perticara è sopraggiunta all’alba dello scorso 25 luglio. Una fiamma alta e densa visibile addirittura al di là della collina come avevano affermato gli abitanti del posto. La diffida formale arrivata a Total ad opera dell’assessore all’Ambiente Gianni Rosa non ha convinto il segretario generale Cgil Basilicata Angelo Summa che sul punto ha assunto una posizione netta.

“Il ripetersi di gravi episodi di fiammate al centro oli Total di Tempa Rossa evidenzia quanto sia necessaria una seria e strutturata attività di monitoraggio e controllo da parte di Arpab e Regione. Non sono assolutamente sufficienti le sole richieste di chiarimenti avanzate dall’assessore Rosa. Il tema – ha aggiunto Summa – è e rimane quello relativo a un sistema di controllo e monitoraggio costante da parte degli enti pubblici regionali, considerata la complessità dell’attività estrattiva ed il suo impatto ambientale

“A 18 mesi dal governo Bardi la questione petrolio – secondo il segretario generale Cgil Basilicata – non può essere trattata come fatto fino a questo momento, tra diffide e royalties, quando dovremmo progettare fin d’ora il futuro energetico della regione, pretendendo dalle compagnie petrolifere sicurezza e investimenti no oil.

La questione petrolio non può essere più affrontata come un fatto privato all’interno del palazzo regionale. La Regione – conclude Summa – apra un confronto con le parti sociali non solo sui risvolti occupazionali, ma sulla strategia da adottare per uscire dal petrolio”.

 

Condividi subito

Le Cronache Lucane
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com