Le Cronache Lucane

RUSSO: “PRESA IN GIRO CON ARROGANZA”

In merito al Radar dichiara: “ci sentiamo ancora presi in giro e ci viene pure imposto di alzare bandiera bianca”


“𝑈𝑛 𝑓𝑖𝑙𝑚 𝑔𝑖𝑎̀ 𝑣𝑖𝑠𝑡𝑜“, così ha commentato il consigliere Giovanni Russo del gruppo ProgettoComune FaraoneSindaco, intervenendo all’incontro pubblico tenutosi a Picerno alla presenza del Capo della Protezione Civile, Angelo Borrelli. «Già cinque anni fa -spiega Russo- il Dipartimento incontrò i cittadini picernesi per convincerli della bontà del progetto e mettendo le mani avanti ad ogni possibile danno alla salute ed all’ambiente. “𝐴𝑙 𝑛𝑒𝑡𝑡𝑜 𝑑𝑖 𝑡𝑢𝑡𝑡𝑜, 𝑞𝑢𝑒𝑠𝑡𝑜 𝑝𝑟𝑜𝑔𝑒𝑡𝑡𝑜 𝑝𝑟𝑒𝑣𝑒𝑑𝑒𝑟𝑎̀ 𝑢𝑛𝑎 𝑞𝑢𝑎𝑙𝑐ℎ𝑒 𝑓𝑜𝑟𝑚𝑎 𝑑𝑖 𝑐𝑜𝑚𝑝𝑒𝑛𝑠𝑎𝑧𝑖𝑜𝑛𝑒 𝑎𝑚𝑏𝑖𝑒𝑛𝑡𝑎𝑙𝑒?” e perché non “𝑠𝑓𝑟𝑢𝑡𝑡𝑎𝑟𝑒 𝑙𝑒 𝑐𝑜𝑚𝑝𝑒𝑛𝑠𝑎𝑧𝑖𝑜𝑛𝑖 𝑝𝑒𝑟 𝑎𝑐𝑞𝑢𝑖𝑠𝑖𝑟𝑒 𝑙𝑎 𝑡𝑜𝑟𝑟𝑒 T𝑒𝑙𝑒𝑐𝑜𝑚” già presente, per installarci sulla sommità l’impianto in oggetto, senza deturpare ulteriormente l’area protetta». Questa la proposta del consigliere di minoranza che da anni partecipa al comitato No Radar.

Tuttavia, prosegue la nota congiunta dei consiglieri Rocco Faraone, Margherita Scavone, Rocco Venetucci e lo stesso Giovanni Russo «di fronte all’arroganza con cui il dott. Borrelli ha avanzato la volontà di procedere “facendolo e basta”, “c𝑖 𝑠𝑒𝑛𝑡𝑖𝑎𝑚𝑜 𝑝𝑟𝑒𝑠𝑖 𝑖𝑛 𝑔𝑖𝑟𝑜 𝑝𝑒𝑟 𝑙’𝑒𝑛𝑛𝑒𝑠𝑖𝑚𝑎 𝑣𝑜𝑙𝑡𝑎, 𝑎𝑝𝑝𝑟𝑒𝑛𝑑𝑒𝑛𝑑𝑜 𝑐ℎ𝑒 𝑐𝑖 𝑣𝑖𝑒𝑛𝑒 𝑖𝑚𝑝𝑜𝑠𝑡𝑜 𝑑𝑖 𝑎𝑙𝑧𝑎𝑟𝑒 𝑏𝑎𝑛𝑑𝑖𝑒𝑟𝑎 𝑏𝑖𝑎𝑛𝑐𝑎”. In estrema analisi l’amarezza più grande deriva dal teatrino ben orchestrato al quale si è assistito. Venuto a conoscenza dell’imminente installazione, il Sindaco di Picerno ha indetto l’incontro con la cittadinanza, invitando la massima autorità della Protezione Civile ed altri esponenti ad illustrare ancora una volta la bontà del progetto messo in campo -incalzano i Consiglieri-  per poi uscirsene con una rammaricata delusione per la scarsa considerazione verso i territori, con tanto di citazioni di Carlo Levi. E così, poco importa se i cittadini incolperanno Borrelli o altri purché non sia detto che questa maggioranza non ha fatto di tutto. Non una sola parola -conclude il gruppo consiliare- rispetto alla proposta venuta dal pubblico di costituirsi dinanzi alla Corte di Giustizia Europea, come pure nessun cenno a qualunque suggerimento pervenuto. Un film già visto, appunto».

 

 

Condividi subito

Le Cronache Lucane
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com