Le Cronache Lucane

CHI SI OCCUPA DI CULTURA ALLA REGIONE BASILICATA?

Lettere Lucane

Credo che non sia positivo per la Basilicata non avere un Assessore regionale alla cultura. Tutte le deleghe riguardanti lo spettacolo e la cultura sono nelle mani del Presidente Bardi, ma governare questo settore non significa soltanto fare nomine, come magari qualcuno ritiene, ma coordinare e valorizzare iniziative, dinamiche, progetti, idee, addetti ai lavori e associazioni. Ci vuole molto tempo, insomma. E molta competenza. Ora, io non so per quale ragione il Presidente abbia deciso di tenere per sé queste deleghe, ma poiché è già gravoso tutto il lavoro che pesa sulle sue spalle, ritengo strategicamente sbagliato trascurare questo settore, che è molto importante per tanti motivi, anche economici. Ieri mi è capitato di incontrare Raffaele Nigro, il più importante scrittore lucano, e Nigro mi ha detto che qualche mese fa ha scritto una lettera al Presidente Bardi alla quale non ha ricevuto nessuna risposta.

Queste sono cose molto gravi, dal mio punto di vista, perché Raffaele Nigro non è soltanto il grande scrittore che tutta l’Italia apprezza, ma in quella lettera faceva riflessioni propositive sui parchi letterari e sul nostro patrimonio storico-culturale, e non sta bene che uno scrittore del suo livello non riceva nemmeno una risposta dal massimo rappresentante istituzionale della Basilicata. Se il Presidente Bardi non ha tempo per occuparsi di questo settore è urgente che affidi le deleghe culturali a qualcun altro, perché la nostra realtà culturale merita una strategia, un coordinamento, una visione e un’attenzione costante e puntuale. Cultura non è soltanto bellezza, identità, memoria e civiltà, ma anche lavoro, economia, reddito e dinamismo sociale. Mi auguro perciò che al più presto questo settore possa avere un punto di riferimento certo, competente e, soprattutto, costantemente presente.

diconsoli@lecronache.info

Condividi subito

Le Cronache Lucane
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com