Le Cronache Lucane

BARI, FRODE FISCALE PER 3,7MLN DI EURO

La società rifiuti Tradeco avrebbe pagato fittiziamente i contributi previdenziali e assistenziali Inps e Inail


Avrebbero pagato fittiziamente per anni i contributi previdenziali e assistenziali Inps e Inail dei propri dipendenti usando, in compensazione, crediti di imposta non spettanti della cosiddetta carbon tax per oltre 1,2 milioni di euro e altri del tutto inesistenti per più di 2,5 milioni. La Guardia di finanza di Bari, su disposizione della magistratura barese, ha sottoposto a sequestro preventivo saldi attivi dei conti correnti intestati alla Tradeco Srl, società autorizzata al servizio di raccolta e trasporto di rifiuti solidi urbani, in fallimento dall’ottobre 2018, oltre a conti correnti personali, appartamenti, quote societarie e altri beni di valore riconducibili agli ex amministratori e legali rappresentanti dell’azienda.

Dalle indagini, coordinate dal procuratore aggiunto Roberto Rossi e dal sostituto Giuseppe Dentamaro, è emerso che le presunte condotte illecite, risalenti agli anni 2015-2018, prima del fallimento, «erano finalizzate ad ottenere il Documento di regolarità contributiva (Durc), necessario per la partecipazione alle gare pubbliche di appalto nell’ambito dell’attività di raccolta e trasporto di rifiuti». Oltre al sequestro preventivo del «profitto» conseguito dai reati tributari, i finanzieri hanno notificato ai due rappresentanti legali pro tempore della società fallita un avviso di garanzia per indebita compensazione di contributi previdenziali ed assistenziali.

Le Cronache Lucane
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com