Le Cronache Lucane

GRUCCIONI NELLE “GOLE DEL PLATANO”

Tra Balvano, Baragiano, Bella, Muro Lucano e Vietri, Lisandro immortala un’altra specie protetta, un vero tesoro naturalistico


Ancora una volta il documentarista bellese Carmine Lisandro dona al pubblico le immagini di una specie protetta: il Gruccione, dal più complicato nome scientifico di Merops apiaster, in un luogo altrettanto suggestivo quale le “Gole del Platano”, sito natura 2000 S.I.C./Z.P.S., che ricade nei Comuni di Balvano, Baragiano, Bella, Muro Lucano e Vietri di Potenza, del quale Lisandro, all’epoca dipendente dell’Ufficio Ambiente del Comune di Bella, ha segnalato, con le sue foto ed i suoi video, il pregio naturalistico dell’area in termini di habitat e di specie faunistiche e, «grazie ai  funzionari del Dipartimento della Regione Basilicata – Ambiente ed Energia – Ufficio Parchi, Biodiversità e Tutela della Natura l’iter è proseguito fino alla trasmissione al Ministero dell’Ambiente che lo sottoporrà in seguito al definitivo parere della Commissione Europea» ci spiega lo stesso Lisandro.

I Gruccioni, con l’arrivo della primavera, racconta «sono ritornati dall’Africa per nidificare nel nostro territorio, dopo aver compiuto un viaggio lungo più di 10.000 chilometri e che, ai primi freddi autunnali, dovranno rifare. Sono uccelli bellissimi dal piumaggio, molto simile tra i due sessi, che va dal rosso-arancio del dorso, all’azzurro-verde delle parti inferiori, la gola è gialla con una banda nera nel sottogola mentre una mascherina nera parte dal becco e oltrepassa l’occhio. Hanno l’apertura alare di circa 46 cm, il corpo è lungo 28/30 cm ed il peso intorno ai 40-70 grammi».

Per quanto concerne il loro habitat «è vario, va da corsi d’acqua dolce vicino a boschi, aree agricole ad ambienti caldi e aridi, e si nutre di insetti che cattura in volo: calabroni, vespe, bombi, ed api che sbatte sui rami per eliminarne il pungiglione e quindi il veleno, cattura anche cicale, tafani, mosche, coleotteri e libellule. Si calcola che in un giorno ogni Gruccione riesca a catturare più di 200 insetti. Sono monogami ed il maschio, per conquistare i favori della femmina la corteggia offrendole del cibo. Una volta formata la coppia -prosegue Lisandro- provvedono, su pareti argillose o sabbiose, a trovar un buon posto per fare il nido, scavando un cunicolo profondo anche 2,5 metri che termina con uno spazio dove la femmina, depone 4/7 uova, covate per un mese. I piccoli vengono accuditi per 1-2 mesi dai genitori coadiuvati da soggetti non accoppiati dell’anno precedente». In media la durata della vita di questi splendidi volatili arriva a 5/6 anni, spesso minati da predatori quali serpenti come il Biacco, la Natrice dal Collare e la Natrice Tassellata e Rapaci come il Nibbio Bruno, il Falco Pellegrino, lo Sparviero, l’Astore.

Abbiamo parlato di api quali insetti di cui si cibano e Lisandro propone un consiglio agli apicoltori su come allontanare i Gruccioni dagli alveari senza arrecare loro danni: «essendo uccelli protetti, non possono essere uccisi o catturati per cui si consiglia per allontanarli dalla arnie usando dissuasori che emettano grida di caccia di predatori di questi uccelli».

Condividi subito

Le Cronache Lucane
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com