Le Cronache Lucane

I DEL BALZO, DALLA PROVENZA AI FASTI LUCANI

A questa famiglia si deve la costruzione del castello di Venosa

L’origine della famiglia è leggendaria, come ci racconta lo storico Vito Telesca di StoriaMeridiana, immaginate la stella cometa e la grotta di Betlemme,  e i tre re magi: Gaspare, Melchiorre e Baldassare,  ebbene si sono sempre detti discendenti di Baldassare, il più giovane dei Magi che regalò l’oro alla Sacra famiglia in realtà arrivano da lontano, certo ma dalla Provenza, scendendo in Italia insieme a Carlo d’Angiò e partecipando alla battaglia di Benevento, dove l’angioino sconfisse il re svevo nato a Venosa, Manfredi. Ricordate la canzone di Angelo Branduardi

La casa sua il signore di Baux
l’ha costruita sui sassi
Passi di mille cavalieri
segnano i suoi sentieri,
vegliano dall’alto nella notte
gelidi i suoi pensieri.

Una leggenda medioevale che sosteneva che tutti  Baux fossero spariti dal loro in una notte, in realtà – come ci spiega Vito Telesca – scesero in Italia al seguito di Carlo I D’Angiò con Ugone Barral de Baux e suo figlio Bertrando de Baux, il quale nel 1272, fu nominato conte di Avellino per il suo valoroso impegno durante la famosa battaglia di Benevento e che, contrariamente a suo padre, decise di mettere radici in Italia, divenendo il capostipite di una della famiglie feudali più potenti del regno: I Del Balzo, che con le loro ramificazioni primi furono i  signori incontrastati del basso adriatico, da Andria a Santa Maria di Leuca, a Taranto,  fino a Lavello, Venosa, Montescaglioso, Montepeloso ora Irsina  e Pomarico.

Condividi subito

Le Cronache Lucane
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com