Le Cronache Lucane

LUIGI: «SEMINIAMO PER UN FUTURO MIGLIORE»

Da Muro Lucano il dottore in Tecnologie agrarie rimarca: «il rapporto tra le varie figure è utile e necessario; l’agricoltura trampolino di lancio per i giovani»


«Sono Luigi Marolda un giovane di Muro Lucano, volenteroso e ottimista. Vivo quotidianamente e direttamente la realtà accademica e le imprese agricole locali e indirettamente quella istituzionale». Inizia così il giovane murese che domenica ha partecipato anche al meeting on line sull’agricoltura -e non solo- promosso dal professore Unibas Carlo Cosentino, e che ci tiene a raccontare la sua esperienza, il suo punto di vista, quello di un ragazzo lucano, dottore in Tecnologie Agrarie e laureando in Scienze e Tecnologie Agrarie.

Tra lo studio, il lavoro nella piccola azienda di famiglia e di tanto in tanto la collaborazione con un agronomo, ci scrive: «Uno dei problemi che riscontro sempre di più è la mancanza di unione, dialogo o meglio ancora il mancato rapporto di simbiosi tra le varie figure, che sarebbe utile e necessario per il bene collettivo. Escluderei alcuni piccole realtà, sempre più sporadiche, come il professor Cosentino che lavora nei suoi progetti di ricerca a stretto contatto e in sinergia con gli imprenditori e le istituzioni, con il quale ho sostenuto anche l’esame di Zootecnica sostenibile, e che ringrazio per avermi dato la possibilità di partecipare all’incontro».


Ciò che preme evidenziare Luigi lo spiega bene: «la discordanza tra le varie rappresentanze è una criticità di cui si parla da molto tempo e che, grazie alla capacità di sacrificio e determinazione dimostrata in questo triste frangete temporale, determinato dal Covid-19, auspico che si possa risolvere attraverso una rieducazione di tutte le figure, e che si possa attuare e concretizzare per il raggiungimento di una sostenibilità globale di cui tutti noi parliamo. Infine mi auguro si possa porre una sempre maggiore attenzione e partecipazione dei giovani, i quali predispongono di un potenziale multifattoriale lungimirante».

E proprio ai giovani si rivolge infine nella sua lettera aperta: «cerchiamo di ricavare qualche insegnamento dal Covid-19, e guardiamo con ottimismo al futuro. La Basilicata, con una buona gestione dell’agricoltura e dell’allevamento, può essere un buon esempio di sostenibilità ambientale e di conseguenza un ottimo trampolino di lancio per i giovani che vogliono impegnarsi in queste attività, che potranno risultare remunerative oltre che dal punto di vista economico, anche sotto il profilo delle soddisfazioni personali. Quando si semina con cura e attenzione, prima o poi i frutti si raccolgono; nel frattempo oggi ritorno a coltivare altri semi per un futuro ancora più roseo, non solo per me ma per l’intera comunità. Forza ragazzi che ce la possiamo, anzi, ce la dobbiamo fare!».

Condividi subito

Le Cronache Lucane
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com