Le Cronache Lucane

MORENA RAPOLLA : LA CURA DEL MALE

Quello che sta accadendo nella mia Terra nelle ultime ore sta mettendo alla prova quel piccolo, ma robusto, fascio di


Quello che sta accadendo nella mia Terra nelle ultime ore sta mettendo alla prova quel piccolo, ma robusto, fascio di lucide energie che sono riuscita a mantenere, per preservare e tenere vivo almeno il sorriso di mia madre che vive con me.

La Basilicata è solo un lembo, uno spicchio, oggi sventurato, di terra, ma in questa piccola-grande regione ci sono nata e sono rimasta pagandone a volte uno scotto altissimo…. non mi do pace perché dopo tanto pensare, assediata dal dolore della perdita di Amici cari che hanno reso unica e speciale la mia terra, sono arrivata ad un’unica conclusione: nella mia regione il solo modo per non morire è cercare di non ammalarsi!

È la mia personale, sconsolata, ma anche risoluta e meditata conclusione, che non è, non può e non vuole essere la soluzione, perché l’unica soluzione sarebbe avere un vaccino efficace che oggi non c’è, eppure….eppure mi arrabbio con me stessa, faccio sempre così quando non so darmi risposte convincenti, e dico: cavolo è vero che non c’è un vaccino ma noi tutti abbiamo il diritto di essere curati ed assistiti con il massimo impegno e diligenza come avviene nelle altre regioni, e mi chiedo se questo viene praticato, se è stato fatto….
io non ho una risposta certa ma se sono arrivata a quell’amara conclusione che qui, più che altrove, ti salvi solo se non ti ammali, allora vuol dire che ho perso fiducia nelle mani di chi dovrebbe prendersi cura delle nostre sventurate fragilità e comprendo solo oggi a pieno quel detto che a volte la cura rischia di essere peggiore del male.

Eppure…mi dico, mi impongo di riuscire a tutti i costi a tenere a bada la rabbia, penso che noi tutti dobbiamo farlo, perché se qualcuno ha sbagliato lo si appurerà nelle sedi opportune, perché chi oggi piange i propri cari merita Giustizia e Verità, non giustizialismo becero e vendetta che non portano a nulla di buono, e aggiungono solo dolore al dolore

Forse mi aspettavo e credevo che a fronte di un numero tanto contenuto di contagi, avremmo avuto una risposta più veloce e risoluta del nostro sistema sanitario regionale, senza esitazioni ed incertezze, senza dover ascoltare le storie di chi ha dovuto supplicare per accedere alla terrifica lotteria dei tamponi.

Che il Signore si prenda cura di noi lucani, forse è lui il solo realmente in grado di farlo, proteggendoci con la sua mano compassionevole ed invisibile.

Buona fortuna Basilicata mia, ne hai davvero bisogno e noi con Te 🍀

#LACURAEDILMALE

 

Condividi subito

Le Cronache Lucane
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com