Le Cronache Lucane

CORONAVIRUS le ULTIME PREOCCUPAZIONI del MINISTRO lucano ROBERTO SPERANZA

Condividi subito

Coronavirus, Roberto Speranza: “Se arriva in Africa può avere effetti gravi”
È un risultato molto importante che tutti i ministri della salute dell’Unione Europea, su proposta dell’Italia, oggi siano insieme per costruire una risposta adeguata al Coronavirus.

Se il coronavirus dovesse raggiungere l’Africa, secondo il ministro della Salute Roberto Speranza potrebbe avere effetti gravissimi.


Il ministro della Salute italiano Roberto Speranza è convinto che se il coronavirus dovesse raggiungere l’Africa potrebbe provocare “effetti gravi”

Nella riunite con i ministri della Salute a Bruxelles, infatti, Speranza ha spiegato che “i servizi sanitari nazionali dei Paesi africani sono molto più fragili di quelli europei”

ROBERTO SPERANZA ha poi avvertito:
“una potenziale diffusione del virus in quel pezzo di mondo potrebbe avere effetti molto gravi“
Coronavirus in Africa: “Effetti gravi”
La diffusione dell’epidemia di coronavirus nel mondo, secondo Roberto Speranza è un “problema serio che non possiamo sottovalutare. L’Europa può e deve dare una risposta forte e coordinata per evitare la diffusione del virus nelle nostre comunità”

In qualità di ministro della Salute, inoltre

“io sento una doppia responsabilità: non solo per il mio Paese e per l’Europa, ma anche per il continente africano che è a noi molto vicino geograficamente”

Infatti, ha spiegato Speranza a Bruxelles, la diffusione del coronavirus in Africa potrebbe comportare un grave rischio.

Il livello di sviluppo dei servizi sanitari non raggiunge l’efficacia e l’efficienza di quello occidentale, europeo o degli altri continenti.

Motivo per cui il contrasto del virus risulterebbero assai difficile.

Ha dunque proposto Speranza :

“Dobbiamo mettere insieme i nostri migliori scienziati, anche rispetto alle sfide farmaceutiche che sono in campo”

se vogliamo vincere la battaglia contro il nuovo coronavirus cinese

Occorre, inoltre, “rafforzare insieme le nostre politiche di prevenzione“

Secondo gli studi condotti nelle ultime settimane, ha poi concluso il ministro

“si può arrivare a un paziente su 5, quasi il 20%, che può avere bisogno di terapia intensiva e assistenza respiratoria”

Di ritorno da Bruxelles mi sono fermato all’aeroporto di Fiumicino per ringraziare tutti del lavoro straordinario di questi giorni.

Sono medici, infermieri, dipendenti del ministero della salute e tantissimi volontari.

Stanno lavorando incessantemente per la sicurezza di tutti

 

Grazie davvero

*

Condividi subito

Le Cronache Lucane
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: