Le Cronache Lucane

OMICIDIO GIANNA DEL GAUDIO, NO ALL’ACQUISIZIONE DELLE INTERVISTE TELEVISIVE RILASCIATE DALL’IMPUTATO ANTONIO TIZZANI

Secondo i giudici “è il dibattimento la sede privilegiata per la formazione della prova”

INTERVISTA SCOMODA: UN CASO ALLA VOLTA con la criminologa URSULA FRANCO 
Gianna Del Gaudio e Antonio Tizzani
No all’acquisizione delle registrazioni delle interviste televisive rilasciate da Antonio Tizzani chieste come fonte di prova dal PM.
Secondo i giudici “è il dibattimento la sede privilegiata per la formazione della prova”
Ne abbiamo parlato con la criminologa Ursula Franco che è allieva di Peter Hyatt, uno dei massimi esperti mondiali di Statement Analysis, una tecnica di analisi di interviste ed interrogatori.
– La difesa di Tizzani non ha ottenuto l’acquisizione degli atti relativi agli accertamenti scientifici dell’omicidio di Daniela Roveri e neanche la PM ha ottenuto l’acquisizione delle interviste televisive rilasciate da Tizzani, dottoressa Franco, cosa ne pensa?
A mio avviso la richiesta del pubblico ministero Letizia Cocucci era giusta. Le interviste ben condotte, come eventuali chiamate di soccorso, sono equiparabili ad intercettazioni ed interrogatori.
– In che caso, a suo avviso, eventuali dichiarazioni rilasciate da un indagato non andrebbero prese in considerazione?
Le interviste, come le registrazioni delle chiamate di soccorso e come gli interrogatori, non sono di nessun valore solo se vengono contaminati dall’interlocutore, cosa che accade di frequente durante gli interrogatori.

Condividi subito

Le Cronache Lucane
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com