DISABILI: DIFFIDATA LA REGIONE BASILICATA

Condividi subito


Disabili: la Regione Basilicata alla ribalta delle cronache nazionali non però per una buona notizia, anzi. L’Associazione Luca Coscioni ha fatto partire una «nuova diffida nei confronti della Regione Basilicata, a seguito delle segnalazioni di persone con disabilità che non riescono ad accedere ad ausili di cui hanno bisogno come ad esempio le carrozzine con unità posturale». La denuncia del caso lucano coincide con una data simbolica importante: la Giornata internazionale dei diritti delle persone con disabilità. In tema disabili la nuova governance lucana di centrodestra non sempre si sta facendo trovare preparata, anzi. Il caso della ancora persistente assenza degli assistenti all’autonomia e comunicazione per gli studenti lucani con disabilità fisiche e sensoriali, lo dimostra. Se per questo il referente regionale è l’assessore Cupparo, nel mirino della diffida dell’Associazione Luca Coscioni, l’assessore alla sanità Leone. Cambia l’assessore, ma la situazione resta immutata. «Diffida già effettuata in passato – hanno dichiarato Gallo e Bolognetti, rispettivamente segretario nazionale e del consigliere generale dell’Associazione-, perché si stavano per indire bandi di gare non nella piena osservanza di legge. L’Associazione grazie all’azione dei suoi legali riuscì a bloccare tali procedure errate, ma dopo 2 anni la situazione è peggiorata». «L’impossibilità ad accedere ad ausili fondamentali per chi ha una disabilità – hanno proseguito Gallo e Bolegnetti – rende la situazione discriminatoria e lesiva di diritti fondamentali». «Speriamo – hanno concluso Filomena Gallo e Maurizio Bolognetti – che la richiesta non rimanga disattesa, al fine di non dover intraprendere percorsi giudiziari necessari. Auspichiamo in una pronta risoluzione e restiamo a disposizione anche per intraprendere azioni concrete che dall’erogazione di ausili con modalità corrette, alla piena applicazione dei Peba o all’erogazione di giusta assistenza per i malati possa distinguere la politica regionale in materia con un cambio di passo immediato

Condividi subito

Ferdinando Moliterni

3807454583

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com