Maltempo, Vincenzo Baldassarre: “Acuite le criticità idrogeologiche” in BASILICATA

Condividi subito

“L’acqua disfa li monti e riempie le valli e vorrebbe ridurre la Terra in perfetta sfericità, s’ella potesse”

#LEONARDOdaVINCI

“La forte perturbazione meteorologica che sta imperversando in queste ore sulla nostra regione acuisce i problemi legati al dissesto idrogeologico della nostra terra, che colloca la Basilicata al primo posto delle regioni italiane a rischio. Le migliaia di frane che interessano i nostri versanti, coinvolgendo strade e centri abitati e gli allagamenti che danneggiano migliaia di ettari di terreno coltivati, ci fanno comprendere l’estrema fragilità del nostro territorio”
Vincenzo Baldassarre

Lo afferma il Vicepresidente del Consiglio regionale Vincenzo Baldassarre (Idea), richiamando l’attenzione sulla natura del territorio lucano

“costituito in larga parte da terreni di giovane formazione, costituiti da argille sabbioso-limose, che con piogge intense e prolungate tendono a saturarsi di acqua e a franare, a cui si aggiunge la mancanza di manutenzione ordinaria e straordinaria degli impluvi naturali e dei canali di deflusso delle acque meteoriche, che comporta tanto l’aumento del carico idraulico nei versanti, quanto l’alluvionamento delle aree limitrofe”

sottolinea il Vicepresidente del Consiglio

“Bisogna intervenire, ed intervenire in modo solerte ed importante bisogna dare compimento, senza più esitazioni, alla programmazione e all’azione del ‘Commissario straordinario per il dissesto idrogeologico’, finalizzate alla realizzazione degli interventi di mitigazione del rischio. Occorre attuare un grande piano di tutela e salvaguardia del nostro territorio, del nostro ambiente, del nostro patrimonio infrastrutturale ed urbano. Occorre provvedere alla manutenzione ordinaria e straordinaria costante della rete di drenaggio naturale ed antropica presente sul territorio. Per tale motivo gli addetti alla forestazione devono diventare risorse strutturate e inquadrate della nostra regione, non lavoratori stagionali, occasionali e precari”

continua Vincenzo Baldassarre

“La regione deve rafforzare l’Università degli Studi di Basilicata, pensando di ampliare l’offerta formativa in ambito geologico e geotecnico, con percorsi di studio in geologia applicata e geomorfologia. Occorre che si intervenga lì dove i processi geomorfologici sono già attivi, con opere di consolidamento dei versanti e realizzazione di opere di drenaggio. Occorre realizzare una rete di monitoraggio e controllo del territorio, che consenta di prevenire e studiare l’evoluzione dei fenomeni in atto o potenziali. La mitigazione del rischio idrogeologico, deve essere tra le priorità del Governo regionale, non solo per mettere in sicurezza il territorio, le infrastrutture e le comunità, ma anche come volano economico, con la creazione di migliaia di posti di lavoro per tecnici, imprese, artigiani, commercianti e maestranze. In ultimo, da Vicepresidente del Consiglio, giunga la mia sincera vicinanza a tutti i lucani, ai soccorritori, alla protezione civile e ai volontari, che in queste ore stanno affrontando i tanti casi di emergenza nelle diverse aree della Basilicata colpite dal mal tempo”

***

Sul sito del Commissario Straordinario delegato per la realizzazione degli interventi di mitigazione del rischio idrogeologico per la Regione Basilicata, è riportato :

L’Accordo di Programma sottoscritto in data 14 dicembre 2010 tra il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e la Regione Basilicata, finalizzato alla programmazione e al finanziamento di interventi urgenti e prioritari per la mitigazione del rischio idrogeologico da effettuare nel territorio della Regione Basilicata, prevede un Piano straordinario di interventi volti alla riduzione del rischio idraulico, di frana e di difesa della costa, mediante la realizzazione di nuove opere e con azioni di manutenzione ordinaria e straordinaria.

Con tale Accordo si prevede che i soggetti sottoscrittori si avvalgano di commissari straordinari di cui all’art. 17 del decreto legge n. 195/2009.

Con il Decreto Legislativo del 24 giugno 2014, numero 91 (articolo 10) il Consiglio dei Ministri ha decretato il subentro dei Presidenti delle regioni nelle funzioni dei Commissari Straordinari Delegati, e nella titolarità delle relative contabilità speciali.
Per la Regione Basilicata, pertanto, è il Presidente Vito Bardi attualmente a svolgere le funzioni di Commissario Straordinario delegato per la realizzazione degli interventi di mitigazione del rischio idrogeologico (Allegato 1 Accordo di Programma).

Con Ordinanza Commissariale num. 2 del 28 maggio 2018 il Presidente Commissario ha nominato, ai sensi dell’art. 10 comma 1 del D.L. 91 del 24 giugno 2004 come convertito con legge num. 116 del 11 agosto 2014, l’avv. Antonio Di Sanza, responsabile della Segreteria Tecnica di Staff del Presidente della Giunta Regionale, Soggetto Attuatore Delegato degli interventi previsti nell’Accordo di Programma 14 dicembre 2010.

Gli interventi di mitigazione del rischio idrogeologico da effettuare sul territorio regionale, sono volti prioritariamente alla salvaguardia della vita umana attraverso la riduzione del rischio idraulico, di frana e di difesa della costa, sia mediante la realizzazione di nuove opere, sia con azioni di manutenzione ordinaria e straordinaria.
Il Commissario Straordinario Delegato, nell’ambito delle sue funzioni, è autorizzato ad avvalersi degli uffici del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e degli enti da questo vigilati, di società specializzate a totale capitale pubblico, delle strutture e degli uffici delle amministrazioni periferiche dello Stato, dell’amministrazione regionale, delle provincie e dei comuni, degli enti locali anche territoriali, dei consorzi, delle università, delle aziende pubbliche di servizi.
Le principali attività previste dal Commissario Straordinario Delegato e svolte con l’ausilio di personale da egli incaricato e che dirige e supervisiona, sono le seguenti:

  • esame della documentazione trasmessa dagli enti proponenti gli interventi compresi nell’Allegato 1 dell’Accordo di Programma;
  • verifica della conformità delle informazioni riportate nell’Allegato 1, non sempre rispondenti all’effettivo stato progettuale come dichiarato dalle Autorità di Bacino, dai Comuni e dalle Comunità Montane;
  • sopralluogo delle aree oggetto di interventi, sia su vasta scala che in sito;
  • avvio delle fasi progettuali per quegli interventi che presentano livelli di progettazione quali Stima dei Costi o Studi di Fattibilità;
  • aggiornamento/integrazione dei progetti esistenti, per renderli conformi a quanto stabilito dalla vigente normativa in tema di Lavori Pubblici, e validazione;
  • predisposizione del bando di gara per l’appalto dei lavori;
  • aggiudicazione dei lavori;
  • avvio delle procedure propedeutiche alla realizzazione dei lavori;
  • direzione dei lavori;
  • contabilità dei lavori;
  • pagamento degli Stati di Avanzamento dei Lavori;
  • collaudo dei lavori.
La sede del Commissario Straordinario è ubicata presso gli Uffici Regionali
in via Annibale Maria di Francia 40 – 75100 MATERA (MT)
Telefono: +39.0835284452
Fax: +39.0835284445
Posta Elettronica Certificata: commissariostraordinario.basilicata@cert.regione.basilicata.it

Condividi subito

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com