CLAN IN GUERRA PER CONTROLLO DEL QUARTIERE

Condividi subito


Sono 24 i pregiudicati del clan Parisi-Palermiti del quartiere Japigia di Bari e del gruppo rivale Busco arrestati oggi dalla Squadra Mobile su disposizione della Dda di Bari per due omicidi, armi, droga, rapina ed estorsione. I fatti risalgono ai primi mesi del 2017, quando nel quartiere a sud di Bari era in atto una guerra tra gruppi criminali armati per il controllo del business della droga, in seguito alla spaccatura interna al clan. Antonio Busco, tra gli odierni arrestati, ritenuto ‘figlioccio’ del boss Savinuccio Parisi, aveva iniziato a rinnegare l’appartenenza a Palermiti, alleato di Parisi, tentando una ascesa personale. Per punirlo, la sera del 17 gennaio 2017 fu ucciso un suo ‘pusher’, Francesco Barbieri. La risposta di Busco arrivò il 6 marzo con l’assassinio di Giuseppe Gelao e il ferimento di Antonino Palermiti. Il 12 aprile fu poi ucciso, in reazione al delitto Gelao, il pregiudicato Nicola De Santis. Per i primi due omicidi i pm della Dda Ettore Cardinali, Fabio Buquicchio e Federico Perrone Capano, hanno ricostruito dinamiche e individuati i sicari. Barbieri fu ucciso da Gelao, poi morto a sua volta sotto il colpi di Busco e dei suoi sodali Davide Monti, Giuseppe Signorile e De Santis.

Condividi subito

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com