Le Cronache Lucane

Venerdì 27 settembre dalle ore 9:00, presso il Campus Universitario di Macchia Romana a Potenza, si terrà un seminario sul patrimonio geologico della Basilicata e connesse valenze culturali

I lavori saranno arricchiti dal confronto con l’esperienza condotta dalla Società Italiana di Geologia Ambientale nell’ambito della redazione del Piano paesaggistico della Regione Puglia, infine sarà illustrato il prestigioso percorso che ha condotto il Parco nazionale del Pollino al riconoscimento di Geoparco Unesco.


Seminario organizzato dall’Ufficio Geologico sul patrimonio geologico regionale.

Di seguito una breve descrizione dell’evento ed in allegato la locandina con il programma dei lavori

 

Ing. Marika Bruno

Venerdì 27 settembre dalle ore 9:00, presso il Campus Universitario di Macchia Romana a Potenza, si terrà un seminario sul patrimonio geologico della Basilicata e connesse valenze culturali.

Si discuterà delle possibili azioni di tutela e valorizzazione, delle potenzialità per il settore turistico e delle ricadute in termini di sviluppo del territorio.

In attuazione della L.R. 32/2015

“Conservazione e valorizzazione del patrimonio geologico”, è stata attivata una proficua sinergia tra Regione Basilicata, Ordine dei Geologi, Università degli Studi della Basilicata e CNR, con l’obiettivo di realizzare il Catasto regionale dei geositi e del patrimonio speleologico, in cui censire e catalogare tutti i siti della nostra regione contraddistinti da peculiari caratteristiche geologiche, geomorfologiche ed idrogeologiche, spesso associate a rilevante valenza storica e culturale quali i calanchi di Aliano, i palmenti di Pietragalla, il Vulture, le Dolomiti lucane, le sorgenti termali di Latronico.

Ogni sito è stato censito con l’indicazione geografica, la documentazione fotografica, l’inquadramento geologico descrittivo, l’indicazione del valore storico e culturale e i relativi riferimenti bibliografici, per addivenire ad una mappatura di tutto il territorio e all’individuazione di itinerari turistici e culturali.

Nel corso della giornata verranno presentati i risultati della prima fase del progetto che ha portato alla costruzione dell’architettura del catasto e alla sua popolazione con i geositi dei primi 6 comuni studiati (Acerenza, Calciano, Irsina, Oppido Lucano, Pietragalla, Tricarico)

Si parlerà del Piano Paesistico Regionale, con particolare riferimento alle misure di protezione dei Beni Ambientali e paesaggistici.

Sarà poi trattato il tema del geoturismo, un settore da potenziare e sviluppare in un territorio come quello della Basilicata, con un patrimonio geologico così ricco ed eterogeneo, che presenta ancora vaste aree non urbanizzate dove poter leggere la storia e l’evoluzione di nostra madre terra e le tracce di culture e tradizioni del passato.

I lavori saranno arricchiti dal confronto con l’esperienza condotta dalla Società Italiana di Geologia Ambientale nell’ambito della redazione del Piano paesaggistico della Regione Puglia, infine sarà illustrato il prestigioso percorso che ha condotto il Parco nazionale del Pollino al riconoscimento di Geoparco Unesco.

***

Geositi Regione Basilicata  – Comuni :
Acerenza 3 geositi : Discordanza pliocenica di San Marco – Depositi deltizi di Madonna di Pompei – Chiesa Rupestre della Madonna di Pompei
Calciano 2 geositi : Ipogei di Calciano – Insediamento lucano di Monte Croccia
Irsina 4 geositi  : Depositi regressivi e post regressivi di Irsina – I Bottini – Le fontane di contrada La pescare e Festole – Terrazzi fluviali del Fiume Bradano
Oppido Lucano 2 geositi : Grotta Sant’Antuono – Depositi pliocenici di ……..
Pietragalla 4 geositi : Sperone roccioso di Murgia Parete – I Palmenti di Pietragalla – Le cantine del centro storico di Pietragalla – Insediamento lucano di Monte Torretta
Tricarico 3 geositi : Trincea stradale di Contrada Laureana – Orti saraceni – Monoclinaledi Sant’Andrea

 

Condividi subito

Le Cronache Lucane
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com