L’astronauta ESA Samantha Cristoforetti accolta a Potenza in un caloroso abbraccio, dal pubblico delle grandi occasioni, nel salotto buono della città capoluogo

Condividi subito

Percorso Innovazione – Tappa Aerospazio ~ Teatro Francesco Stabile in Potenza

A Potenza il 5º appuntamento di “Percorso Innovazione” dedicato al settore Aerospazio

Venerdì 13 Settembre un importante incontro sui temi dell’innovazione e della ricerca scientifica nel settore Aerospazio.

Ospite d’eccezione l’astronauta ESA Samantha Cristoforetti con un approfondimento sugli esperimenti scientifici condotti sulla Stazione Spaziale Internazionale.

Potenza, 13 settembre alle ore 18:00, presso il Teatro Francesco Stabile in Potenza, si tenuto il quinto appuntamento di “Percorso Innovazione”, la serie di eventi istituita da T3 Innovation, la struttura di trasferimento tecnologico della Regione Basilicata, che mira a sensibilizzare il territorio sui temi dell’innovazione e a favorire la crescita del livello di competitività degli stakeholders regionali.

L’evento dedicato all’Aerospazio, uno dei cinque settori strategici per l’innovazione individuati nella “Strategia Regionale di Specializzazione Intelligente” (S3) della Basilicata, ritenuto comparto di valenza internazionale sia nella sua componente upstream che downstream.

A discutere del tema, moderati dal coordinatore di T3 Innovation Pierluigi Argoneto, tre ospiti d’eccezione: l’astronauta Samantha Cristoforetti dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA), nonché capitano pilota dell’Aeronautica Militare Italiana, prima astronauta italiana ad abitare la Stazione Spaziale Internazionale; Giovanni Caprara, responsabile della redazione scientifica del Corriere della Sera e autore di numerosi saggi sulla storia della scienza e dell’esplorazione spaziale; Serafino D’Angelantonio, Presidente e CEO di Airbus Italia, una delle più importanti multinazionali nella costruzione di aeromobili, attiva anche nel settore aerospaziale e della difesa.

L’incontro è stato,preceduto dai saluti del vive sindaco del capoluogo, Ing. Antonio Vigilante in sostituzione del sindaco Mario Guarente, fuori regione.

l’introduzione al tema di Domenico Agnello, Associate Partner Strategy Innovation PwC, e le conclusioni di Francesco Cupparo, Assessore Attività Produttive, Lavoro e Sport Regione Basilicata.

L’evento con l’obiettivo di focalizzare l’attenzione da un punto di vista storico e tecnologico sull’impatto che la cultura, scientifica in particolare, può generare su un territorio o una nazione.

Attraverso la voce degli ospiti, nell’anno in cui si celebra il cinquantesimo anniversario dello sbarco sulla luna,  raccontato da diverse angolazioni lo stretto legame esistente tra l’aerospazio e la storia d’Italia, gli esperimenti scientifici condotti in orbita nel corso della missione dell’ASI “FUTURA” e le opportunità di sviluppo offerte dalla spaceeconomy.

la locandina dell’iniziativa

 

Profilo relatori evento Percorso Innovazione – tappa Aerospazio, Potenza 13 settembre 2019

Samantha Cristoforetti

Nata a Milano il 26 aprile 1977, Samantha Cristoforetti è un’avida lettrice appassionata di scienza e tecnologia, ma egualmente interessata alle discipline umanistiche. Le piace imparare lingue straniere e la sua attuale sfida è il cinese. Talvolta trova il tempo per escursioni, immersioni subacquee o yoga.

Samantha ha conseguito la maturità scientifica a Trento nel 1996, dopo aver frequentato tre anni di liceo linguistico a Bolzano e un anno di scuola negli Stati Uniti.

Nel 2001 ha conseguito la laurea magistrale in ingegneria meccanica all’Università Tecnica di Monaco di Baviera, specializzandosi in propulsione aerospaziale e strutture leggere. Nell’ambito degli studi universitari ha trascorso quattro mesi alla “Ecole Nationale Supérieure de l’Aéronautique et de l’Espace” di Tolosa, lavorando ad un progetto sperimentale di aerodinamica, e ha scritto la sua tesi sui propellenti solidi per razzi durante dieci mesi di soggiorno di ricerca presso l’Università di Tecnologie Chimiche Mendeleev di Mosca.

Sempre nel 2001, Samantha è entrata in Accademia Aeronautica come allieva ufficiale, ricoprendo per 4 anni il ruolo di capocorso. Come parte del suo percorso di formazione in Accademia, ha conseguito nel 2005 una laurea in scienze aeronautiche presso l’Università Federico II di Napoli.

Ha poi partecipato al programma di addestramento “Euro-NATO Joint Jet Pilot Training” alla Sheppard Air Force Base, negli Stati Uniti, ottenendo nel 2006 il brevetto di pilota militare. Al rientro in Italia è stata assegnata al 51° Stormo di Istrana sul velivolo AM-X.

Samantha è stata selezionata come astronauta ESA nel maggio 2009. A settembre dello stesso anno ha iniziato l’addestramento di base, che ha portato a termine a novembre 2010. È stata quindi designata astronauta di riserva per ESA e, in questo ruolo, ha ottenuto le prime qualifiche per le attività extra veicolari e robotiche, nonché la certificazione come ingegnera di bordo del veicolo spaziale russo Soyuz. A marzo 2012 è stata assegnata alla spedizione 42/43 sulla Stazione Spaziale Internazionale e, contestualmente, è stata designata ingegnera di bordo della Soyuz TMA-15M.

Il 23 novembre 2014 Samantha è partita per lo spazio dal cosmodromo di Baikonur, in Kazakhistan. È tornata sulla Terra l’11 giugno 2015, dopo aver trascorso 200 giorni nello spazio, ad oggi il volo spaziale più lungo di un astronauta europeo. La missione, chiamata Futura, è stata la seconda opportunità di volo di lunga durata dell’Agenzia Spaziale Italiana e l’ottava per un astronauta ESA.

Al termine delle attività post-missione, in attesa dell’assegnazione a un secondo volo spaziale, a Samantha sono stati assegnati compiti tecnico-manageriali presso il Centro Europeo degli Astronauti (EAC), inclusa la partecipazione a commissioni tecniche per la valutazione di progetti legati all’esplorazione spaziale. Per diversi anni ha guidato l’iniziativa “Spaceship EAC”, un team di studenti e giovani professionisti che sviluppano tecnologie per future missioni lunari. Attualmente è rappresentante degli equipaggi ESA nel progetto “Lunar Orbital Platform -Gateway”.

Samantha fa anche parte di un gruppo di lavoro congiunto tra EAC e il Centro Cinese degli Astronauti (ACC), che ha il compito di definire e implementare attività di collaborazione. Nel 2017, insieme all’astronauta ESA Matthias Maurer, ha partecipato a un corso di sopravvivenza in mare, organizzato da ACC nel Mar Giallo. È stata la prima occasione in cui astronauti cinesi e non cinesi si sono addestrati insieme in Cina.

A luglio 2015 Samantha è stata insignita dal Presidente della Repubblica dell’onorificenza di Cavaliere di Gran Croce dell’Ordine Al Merito della Repubblica Italiana.

Fonte: ESA
Aggiornamento: agosto 2018


Giovanni Caprara

Storico dello spazio, docente di “Storia dell’esplorazione spaziale” al Politecnico di Milano, editorialista scientifico del “Corriere della Sera”, ha seguito le imprese spaziali nei centri delle varie nazioni. È autore di numerose opere sulla storia della scienza e dell’esplorazione spaziale tradotte e pubblicate in Europea e negli Stati Uniti, tra cui:

Il libro dei voli spaziali (Vallardi); Era spaziale (Mondadori) ; Alla scoperta del sistema solare (con Margherita Hack, Mondadori); Abitare lo spazio (Mondadori) ; L’avventura della scienza” (Rizzoli) ; L’Italia sullo Shuttle (Mondadori); Breve storia delle grandi scoperte scientifiche (Bompiani), Storia italiana dello spazio (Bompiani); The Complete Encyclopedia of Space Satellites (FireFly); Co-autore de: Space Exploration and Humanity – A historical encyclopedia (ABC-CLIO); Rosso Marte (Utet), Oltre il cielo (Hoepli).

È curatore della sezione Spazio del Museo nazionale della scienza e della tecnologia “Leonardo da Vinci” di Milano. Nel 2000 ha ricevuto il premio ConScientia come giornalista scientifico dell’anno,

premio assegnato congiuntamente dalle università milanesi; nel 2010 l’European Science Writers Award della Euroscience Foundation e nel 2016 il “Premio per la comunicazione scientifica” della Società Italiana di Fisica (SIF).

Dal 2011 è presidente dell’UGIS, Unione Giornalisti Italiani Scientifici. In riconoscimento della sua attività di divulgatore, l’International Astronomical Union ha battezzato col suo nome un asteroide in orbita tra Marte e Giove.


Serafino D’Angelantonio

Laureato in Scienze Politiche all’Università di Padova, Serafino D’Angelantonio è stato Chief Executive Officer di EADS Italy dal 2006 al 2011. Successivamente, dal 2011 al 2014, ha esercitato la carica di Managing Director di Astrium srl. Managing Director dal 2014 al 2018 di Airbus Defence and Space Italy srl, D’Angelantonio ha ricoperto il ruolo di Presidente e Amministratore Delegato di Space Engineering (100% parte di Airbus Defence and Space dal 2015) fino al cambio della denominazione della società in Airbus Italia, avvenuto ad Agosto 2019, di cui è attualmente Presidente e Amministratore Delegato.

*** GALLERIA FOTOGRAFICA

** Conferenza stampa con Samantha Cristoforetti ~ Sala degli specchi Teatro F. Stabile ~ Potenza

Parla italiano (madrelingua), tedesco, inglese, francese, nonché il russo, utilizzato nelle comunicazioni tra la stazione spaziale e il centro di controllo a terra presso il cosmodromo di Bajkonur. Si sta dedicando allo studio del cinese, anche in previsione di una possibile missione spaziale dell’agenzia spaziale cinese.
Nonostante la carriera intensa, riesce a trovare spazio per le sue passioni, principalmente escursionismo e immersioni subacquee.

*

 

Condividi subito