DESIRÈ NICA : L’ITALIA QUELLA BELLA VE LA RACCONTO IO DA TRAPANI

Condividi subito

L’Italia quella bella, oggi ve la racconto io da Trapani

“Sono le 13.00, e arriva sulla spiaggia uno dei tanti ambulanti che cercano di vendere qualcosa.
Solo che stavolta è donna.
Solo che stavolta è mamma.

Ha una cesta enorme che tiene in bilico sulla testa, con dentro tutto ciò che vorrebbe vendere, e dietro, legata sulla fascia, la sua bambina.
Avrà 2 anni e mezzo, 3 al massimo. Sta sotto al sole in groppa alla sua mamma mi chiedo da chissà quante ore.

Subito mi sento in difficoltà.
Guardo mia figlia e penso che sono 3 ore che mi affanno per farle scegliere cosa mangiare, per coprirle la testa dal sole, per stare attenta che non beva acqua troppo fredda.

Dico a Gabri che vado a comprare qualcosa da quella mamma e che vado a portare un po’ di frutta fresca alla bimba e darle qualcosa da mangiare.

Ma non c’è stato bisogno di fare niente.

Perché oggi l’Italia bella è stata quella delle mie vicine di ombrellone che tutte insieme hanno detto a quella mamma come loro, di andare a lavorare tranquilla, perché alla sua bambina ci avrebbero pensato loro.

Ed è proprio così che è andata.
La mamma ha continuato il suo giro per le spiagge, e la piccola ha mangiato insieme a tutti i nostri figli sotto l ombra del ristorante dello stabilimento, ha giocato sulla riva, ha fatto i gavettoni insieme agli altri bambini della spiaggia.

E io oggi sono felice, perché è stato davvero bello vedere tutto questo ❤️ ” {Cit. Desirè Nica}



Trapani bagnanti alla mamma vu cumprà:
“Lascia con noi tua figlia e vai a lavorare tranquilla”
Alcune donne hanno visto la giovane con la cesta della merce in vendita in testa e la bimba di tre anni sulla schiena, da ore, sotto il sole. Così la loro proposta è stata ben accetta, per la gioia di tutti

Arriva da Trapani una bella storia d’estate, degna della penna di Edmondo De Amicis.
Una vu cumprà si aggira sotto gli ombrelloni tentando di vendere la merce che porta nella cesta poggiata sulla testa. Sulla schiena, legata ben salda con una fascia, ha la sua bimba, di circa tre anni. Da ore le due sono sotto il sole.
Una bagnante nota la scena e si avvicina per offrire un po’ di frutta e di sollievo. Ma non è sola: altre villeggianti fermano l’ambulante per proporle di lasciare sua figlia con i loro bimbi. “Vai a lavorare tranquilla, a lei pensiamo noi”, è stato l’invito ben accetto dalla venditrice.
Così, prosegue il racconto in un lungo post su Facebook, la piccola ha giocato e pranzato con i suoi coetanei e sua madre ha potuto continuare a guadagnarsi la sua giornata lungo la spiaggia.
Un gesto di solidarietà che in poche ore ha fatto il giro del Web.
“Niente di eclatante, solo cuore di mamma”, si schermiscono le altre madri protagoniste di questa storia che ha per cornice la spiaggia di San Vito Lo Capo mentre il racconto su Facebook di una di loro, Desirè Nica veniva per prima diffuso da un blogger, con tanto di foto a testimoniare il tutto.

La diffusione della storia ha così innescato una serie di commenti e di apprezzamenti.
Dall’Ogliastra, un’altra turista, Marina Carta fa sapere che “da anni un’ambulante lascia suo figlio a giocare con i nostri”, accompagnando anche in questo caso le sue parole con un’immagine di bimbi che giocano sereni tutti insieme sulla spiaggia sarda.

E ancora, una testimonianza dell’estate 2018 si aggiunge tra tutte, anche questa con il corredo di immagini:
“Stessa situazione. Golfo di Baratti. La bimba della venditrice ambulante gioca con i miei nipoti mentre la mamma fa il giro della spiaggia. È nata un’amicizia”, scrive Luisa Giolli

 

Condividi subito