L’Austria vieta glifosato: diventa il primo paese dell’Unione europea (UE) a vietare l’erbicida controverso nel nome del “principio di precauzione”

Condividi subito

Austria vieta glifosato: primo paese UE che lo vieta per principio di precauzione

Scritto da Agnese Tondelli il 4 Luglio 2019. Pubblicato in Rischi per la salute, Salute.

 

L’Austria vieta glifosato: diventa il primo paese dell’Unione europea (UE) a vietare l’erbicida controverso nel nome del “principio di precauzione”
Austria vieta glifosato

Il Parlamento austriaco ha approvato Martedì 2 luglio, un divieto totale sull’utilizzo del glifosato nel paese, la maggioranza dei deputati ha votato a favore della proposta di modifica da parte del Partito socialdemocratico SPÖ e il testo è stato supportato dal partito di estrema destra FPÖ.

L’Austria vieta il glifosato, il controverso erbicida è stato portato in votazione nell’agenda, dal parlamento austriaco in seguito alla caduta del governo guidato dal cancelliere conservatore Sebastian Kurz a maggio . Approfittando della mancanza di una coalizione formata in Parlamento fino alle prime elezioni legislative di settembre, i partiti socialdemocratici SPÖ, l’FPÖ di estrema destra, l’ambientalista Jetzt ei Neos Liberals si sono riuniti martedì per la maggior parte delle circostanze e hanno approvato questo divieto.

Parlamento austriaco: Austria vieta glifosato

Il partito conservatore dell’ÖVP, il favorito per il ritorno al potere dopo le elezioni legislative, ha votato contro un divieto totale che penalizza i professionisti agricoli. La formazione di Sebastian Kurz ha proposto che l’uso del glifosato sia formalmente proibito per gli individui, vicino alle scuole e ai campi sportivi.

Classificato come “probabile cancerogeno” dal 2015 dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), il glifosato è stato utilizzato con vari marchi da quando il brevetto detenuto dal gruppo statunitense Monsanto è diventato di dominio pubblico nel 2000. Il più famoso rimane Roundup prodotto dalla Monsanto, che ora appartiene al gigante chimico tedesco Bayer.

Situazione italiana: Glifosato cancerogeno il decreto del governo

90 giorni, circa 3 mesi. È questa la proroga concessa dal Governo italiano, attraverso un decreto del 21 novembre che interviene ancora una volta su uno dei prodotti più controversi degli ultimi anni. La formula, come sempre accade nel burocratese delle nostre istituzioni, è astrusa.

La news sul sito del Ministero della Salute recita, infatti:

“La Direzione generale per l’igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione, dopo aver sentito la Sezione Consultiva per i Fitosanitari del Comitato tecnico per la nutrizione e la sanità’ animale in merito alle richieste ricevute, ha emanato un decreto per concedere una proroga di 90 giorni sia per la commercializzazione che per l’utilizzo dei prodotti revocati contenenti la sostanza attiva glifosate in associazione con il coformulante ammina di sego polietossilata (n. Cas 61791-26-2)”

Ricostruiamo tutti i passaggi della vicenda glifosato, così da capire bene di cosa stiamo parlando.

Glifosato cancerogeno e ammina di sego

Il glifosato, sostanza contenuta in diversi fitofarmaci come il famigerato RoundUp, è stato dichiarato ‘probabile cancerogeno’ dallo Iarc, organismo scientifico collegato all’OMS.

Condividi subito