SE UNA SERA D’ESTATE AL MUSEO

Condividi subito

Sono iniziati gli appuntamenti del venerdì al Museo Archeologico Nazionale di Muro Lucano con l’evento “Se una sera d’estate al Museo”. Una iniziativa portata avanti con impegno dal direttore museale Salvatore Pagliuca.  Il programma completo dell’edizione 2019 della manifestazione è iniziato il 21 giugno -con il film “Roma” e il concerto del Sertango Quartet- e proseguirà sino all’8 settembre con appuntamenti sempre diversi. Per il secondo incontro si ricorderanno le figure di Rocco Brancati e Luigi Di Gianni con la proiezione del suo film-documentario del 1965 “La Madonna di Pierno” e, dopo l’apericena, si potrà assistere al concerto del Lucus Trio con Rocco Russillo al flauto, Francesco Parente al violoncello e Alessandro Bove al pianoforte. Il tutto in una location suggestiva: la terrazza grande del museo, sotto le stelle e sopra il burrone delle Ripe. Con questo appuntamento si inaugurerà, inoltre, un percorso virtuoso nei confronti dell’ambiente: tutte le stoviglie della cena saranno rigorosamente biodegradabili. Il 13 agosto sarà la volta del cinema, con la proiezione del film “Sulla mia pelle” di Alessandro Cremonini e alle 21:30 concerto della pianista Zong. Dal 23 al 25 agosto in Via Seminario saranno realizzati invece tre nuovi gradini dell’acciottolato artistico “Le parole sono pietre” con i bozzetti degli artisti Comminiello e Casellato. Si tratta di un progetto avviato nel 2013 ed ideato dallo stesso Pagliuca, archeologo e poeta; Le parole sono pietre -titolo che riprende un racconto di viaggio di Carlo Levi- ha coinvolto artisti internazionali che hanno interpretato le parole di poeti senza tempo: Saffo, Neruda, Tagore, Rilke, Lucrezio, Dante. L’acciottolato cromatico si trova lungo la scalinata di Via Seminario, nel centro storico di Muro Lucano, che conduce all’ingresso del Museo. Infine, l’8 settembre l’ultimo appuntamento sarà con “Il respiro della Terra- le sonorità del profondo” una passeggiata che andrà dal Museo al Ponte normanno delle Ripe, con letture di otto poeti italiani ed in serata il concerto di Alfio Antico presso il rudere di uno dei mulini dislocati lungo il percorso della gola naturale.

Condividi subito

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com