Le Cronache Lucane

LO SPLENDORE INQUIETO DI ANDREA GALGANO

Presentato a Potenza il saggio letterario del poeta, scrittore e critico lucano

Presentato nella Sala del Cortile del Museo Archeologico Nazionale della Basilicata “Dinu Adamesteanu” di Potenza, in una iniziativa organizzata da  Fondazione Basilicata Futuro e l’Associazione culturale Letti di Sera, in collaborazione con la Scuola di Psicoterapia Erich Fromm di Prato-Padova e il Polo Museale Regionale della Basilicata , il saggio Letterario “Lo Splendore inquieto”   edito dalla Aracne Editrice del Poeta, scrittore e critico letterario e firme di Cronache Lucane  Andrea Galgano è direttore umanistico e docente di letteratura e scrittura creativa presso la Scuola di Psicoterapia Erich Fromm di Prato–Padova, fondatore e direttore responsabile di «Frontiera di pagine magazine on line» e coordina il progetto di ricerca sul senso religioso in Giacomo Leopardi per l’International Foundation Erich Fromm . Il titolo “Lo splendore inquieto” nasce guardando l’increspatura della luce sull’acqua del mare – racconta l’autore Andrea Galgano La bellezza e lo splendor concernono la tenuità, la proporzione, la tensione alla perfezione e infine la claritas come pienezza dell’essere che reca dentro di sé il mistero nascosto e ineffabile che si presenta alla nostra coscienza come bellezza che genera stupore e meraviglia. L’impulso della filosofia platonica per cui «La bellezza è lo splendore del vero» o la fioritura dell’essere per dirla alla Plotino, si insinuano in questo volume che accomuna autori italiani, come Sergio Zavoli, Anna Maria Carpi o Elsa Morante e internazionali, come Tess Gallagher, Philip Schultz, Thomas Bernhard, in un’unica linea ermeneutica e conoscitiva. Lo splendore, inoltre, afferisce anche all’idea di Dio che invade, rivelandosi, nel termine della nostra finitudine, irrompendo nel tempo, nelle cose e nella materia. L’inquietudine è il tempo della creazione e la consapevolezza del limite che ha bisogno dell’Altro, anche quando può negarlo, che ha bisogno di rendere sensibile l’idea,ma che sa attraversare gli abissi della propria coltre finita.

Condividi subito

Le Cronache Lucane
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com