LE NOTE DEI BERSAGLIERI A MURO LUCANO

Condividi subito

La Fanfara dei Bersaglieri di Siena ha sfilato per le strade di Muro Lucano prima di raggiungere la città di Matera Capitale Europea della Cultura 2019. Nel borgo lucano le note squillanti sono risuonate da via Roma riecheggiando per le strade e per i vicoli, sino a Piazza Don Minzoni dov’è situata la statua che ricorda i caduti in guerra, ai cui piedi è stato deposto un fascio di fiori. Tra i saluti delle istituzioni e dei Bersaglieri, si è svolto anche lo scambio dei doni: vini portati dalla Fanfara e una stampa di Muro su legno invece il dono fatto loro. L’evento ricade nel 183° anniversario della Fondazione del Corpo. Il paese lucano ha ospitato circa 100 persone per tre giorni, prima di partecipare al 67° Raduno Nazionale dei Bersaglieri. Si tratta di un evento che ha visto la cooperazione di più figure istituzionali e non: Comune, Pro Loco, Hotel delle Colline, Miramonti e la stessa Associazione nazionale dei Bersaglieri. L’evento è dedicato alla memoria di tutti i soldati che hanno combattuto sacrificando la propria vita per difendere la Patria e gli ideali di libertà. Come da tradizione, i bersaglieri hanno sfilato, piume sul capo e catalizzato l’attenzione dei partecipanti grazie al vasto repertorio musicale che regala ad ogni sua esibizione uno spettacolo avvincente e piacevole, una vera e propria emozione che lascia il segno.  I bambini si sono divertiti a ballare liberamente e gli adulti hanno tenuto il tempo, mentre sull’Inno Nazionale tutti hanno intonato il canto all’unisono. <<Le impetuose note musicali sono gradite sia al pubblico che ci assiste per la prima volta sia a chi le riascolta -garantisce la Fanfara- Siamo orgogliosi ed onorati di portare, in Italia e nel mondo intero, il ricordo e la storia del Corpo dei Bersaglieri, nonché i colori della nostra bandiera Italiana, attraverso un’esibizione unica ed entusiasmante>>. Ma la serata non si è esaurita qui: la piazza è rimasta animata sino a notte inoltrata, tra le tavolate di una cena conviviale grazie ai ristoratori del luogo e un ultimo fuoriprogramma musicale.

Condividi subito