Le Cronache Lucane

Avv. DONATELLO GENOVESE: IL QUOTIDIANO INUTILE

“Dico che siamo una categoria di coglioni e che ci meritiamo anche di peggio!”

IL QUOTIDIANO INUTILE

C’è un quotidiano, in Italia, pagato forzosamente da tutti gli appartenenti ad una categoria, ma a beneficio di pochissimi, che si permettono di gestirlo a loro piacimento, come se fosse “cosa loro”, sentendosi gli unti del Signore.

È un quotidiano che, ad onta del suo costo esorbitante (circa un milione di euro all’anno) non è letto praticamente da nessuno, poiché non esprime le idee, i bisogni, le aspirazioni di chi realmente lo paga, ma è edito solo per compiacere la megalomania dei suoi promotori e per dare un’immagine surreale della categoria che lo finanzia.

Una categoria che prevalentemente annaspa per sbarcare il lunario, che combatte con gravi difficoltà esistenziali, ma che deve a tutti i costi dare un’immagine edulcorata e fasulla di sé, come se il resto della società non fosse consapevole dei reali problemi che l’affliggono.

Se i suoi paganti avessero la dignità di ribellarsi a questo inutile e controproducente sperpero, il quotidiano in questione avrebbe chiuso i battenti da tempo, o almeno avrebbe cambiato impostazione, diventando uno strumento di verità e di critica politica.

Invece sta lì, immutabile, vegeta incontrastato, continuando a dare voce al regime, nonostante che questa voce non arrivi a nessuno, perché a nessuno importa della fastidiosa voce dei fantocci designati a rappresentare la categoria in questione.

Eppure viene pubblicato ogni giorno, infarcito di notizie insulse, di opinioni scontate, di leccate di culo a favore di chi detiene il potere costituito, benché sia, in definitiva, di pessima fattura e di scarsissimo interesse.

Di cosa sto parlando, vi chiederete?

Ma de “Il Dubbio”, il quotidiano dell’avvocatura; di un’avvocatura prona a 90 gradi, pronta ad acclamare e ad aprire le terga al despota di turno.

Che, puntualmente, è lì a bearsi di sé, a curare gli affarucci che la sua visibilità gli procura e a dare addosso a chi tenta di contrastarlo.

Che altro dire?

Dico che siamo una categoria di coglioni e che ci meritiamo anche di peggio!

Le Cronache Lucane
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com