STERILE POLEMICA DI BARDI SU TREROTOLA

Condividi subito

Sembra proprio che i dibattiti politici tra candidati in questa campagna elettorale non abbiano fortuna, ovviamente per usare un eufemismo visto che più che fortuna in questi casi a metterci lo zampino è la buona organizzazione. E così dopo il flop del confronto tra i quattro candidati alle prossime regionali organizzato dal Rotaty Club di Potenza che si è concluso con Mattia Sbraitante, Bardi rappresentato da un delegato, e Trerotola e Tramutoli rimasti sul palco per rispetto dei cittadini accorsi. Anche quello organizzato dalla Rai ha visto proprio l’assenza dei protagonisti, ovviamente interpretato dai presenti come segno di rimessa. Da un lato Bardi che sul suo profilo social lancia il commento: “Accanto a me vedete una sedia vuota: è quella del centrosinistra. Hanno governato talmente male che non si presentano neppure ai dibattiti!
In effetti di cosa avrebbe potuto parlare il candidato messo lì dai Pittella? Dei livelli di disoccupazione record raggiunti con le loro amministrazioni? Delle decine di milioni di fondi europei mandati indietro perché non spesi? Dello sfascio della sanità? Della desertificazione delle aree interne? Delle clientele infinite che hanno premiato gli amici degli amici e mortificato i lucani? La differenza è questa: noi ci siamo, loro no. Non ci sono più. Si nascondono. Provano a mettere facce diverse, ma sono sempre gli stessi che lasciano decenni di disastri. Con noi torneranno di moda meritocrazia, legalità e trasparenza. Più lavoro, più sviluppo e più diritti.
Loro sono assenti. E noi? Sempre più PRESENTI”. Il riferimento di Bardi è inequivocabile si riferisce al candidato del centro sinistra Carlo Trerotola che non ci sta a passare per un burattino e rilancia: “Agli atteggiamenti denigratori espressi da chi pubblica post per denunciare assenze ai dibattiti, vorrei rispondere dicendo che la vera presenza è tra le persone e che il confronto diretto e civile e il contatto umano sono sempre la scelta più saggia”. Non solo Trerotola spiga in modo chiaro la sua mancanza al dibattito: “La mia assenza al dibattito odierno è frutto di un disguido organizzativo rispetto ad impegni già fissati, ecco perché anche oggi, sono in mezzo alle persone. Ecco Generale Vito Bardi, noi che viviamo e siamo sempre PRESENTI su questo territorio, ti invitiamo ad accomodarti su un’altra sedia: quella al fianco dei cittadini.
Per i confronti sono sempre disponibile, come ho fatto anche a quello organizzato dal Rotary, durante il quale però la sedia vuota è stata lasciata proprio dal candidato di centro destra”. A quanto pare il candidato messo lì da Pittella come sostiene Bardi, ha buona memoria sui confronti già mancati della destra.

Condividi subito

Maria Fedota

3492345480