ELETTORI DEM LUCANI: «ROTTAMATI I ROTTAMATORI»

Condividi subito

Anche l’elettorato dem lucano ha bocciato il renzismo e la sua propaggine lucana: il pittellismo. Il nuovo segretario nazionale del Pd, Nicola Zingaretti, ha trionfato in Basilicata raccogliendo il 55% dei voti. Zingaretti, che ha stravinto nei due capoluoghi di Provincia, Potenza e Matera, così come in quasi tutti i paesi, ha emblematicamente ottenuto meno voti dell’opponente Martina, che rappresentava il volto nuovo del renzismo, proprio nella roccaforte dell’ex governatore Pittella: a Lauria. Rispetto al voto dei circoli di partito, dove prevalgono le gerarchie interne, quello dell’elettorato dem lucano ha consegnato un verdetto totalmente opposto. Nel primo caso ha trionfato il renziano Martina, sostenuto da Pittella, Polese, Braia e dalla maggioranza dem del partito. Nel secondo Zingaretti. L’elettorato dem lucano ha pertanto deciso: vuole la rottamazione dei rottamatori, come vantano definirsi il toscano e il lauriota.  Che il cambiamento fosse all’orizzonte lo si poteva dedurre anche dal fatto che ancora prima dell’elezione, Zingaretti con i suoi è riuscito a far retrocedere Pittella dal bis in Regione. Il punto, però, è proprio questo. L’establishment lucano del Pd, dal quale vanno esclusi Santarsiero e Lacorazza, è riuscito comunque a disarmonizzare l’orologio politico della Basilicata con quello del cambiamento. I renziani lucani, con Pittella e il segretario regionale Polese in primis, hanno ancora una speranza di sopravvivenza che è quella di vincere le regionali lucane. Solo così potranno mantenere più o meno intatto il loro status quo.

Ulteriori approfondimenti nell’edizione di Le Cronache Lucane in edicola

Condividi subito

Ferdinando Moliterni

3807454583