ANCHE SANREMO2019 HA SPACCATO L’ITALIA NON SOLO POLITICA

Condividi subito

Ultimo, furia a Sanremo contro i giornalisti: «Avete rotto il cazzo tutta la settimana»

Attacco a sorpresa da parte di Ultimo, il secondo classificato al Festival di Sanremo 2019 dietro il vincitore Mahmood, rivolto ai giornalisti. Nella sala stampa del Festival, immediatamente dopo la proclamazione del rivale, il romano Ultimo ha tuonato: «La mia vittoria, al contrario di tanti giornalisti che hanno rotto il cazzo tutta la settimana, con la presunzione di giudicare la carriera nei prossimi vent’anni di tanti artisti, sentendosi importanti, non è la vittoria al festival, è la gente che si riconosce in quello che scritto».

«Non ce l’ho con voi, ce l’ho con me stesso. Sono amareggiato», ha poi aggiunto l’artista 22enne, visibilmente scosso, sottolineando di essere «contento della vittoria di Mahmood». Poi ha spiegato con più serenità il suo punto di vista: «Io punto all’eccellenza, quindi è normale che ci sono rimasto male. È  normale che se una persona si crea aspettative e poi non le realizza non è contento. La mia vittoria sono i live e le persone che si riconoscono in quello che scrivo».

Sanremo 2019, per la giuria vince Mahmood. Sui social è bufera: «Voto politico, propaganda per i migranti»
Ultimo primo a Sanremo 2019 per il televoto: «La gente è la mia vittoria»

 

Momo Salah ha vinto #Sanremo2019 ma non ditelo a Salvini

Roma, 10 febbraio 2019 – Mahmood vince Sanremo 2019, ma il suo trionfo non mette d’accordo tutti. Se il pubblico dell’Ariston critica l’esclusione dal podio di Loredana Bertè, il vicepremier Matteo Salvini apre il fronte della polemica su Twitter. “Mah… la canzone italiana più bella?!? Io avrei scelto Ultimo”, scrive il ministro dell’Interno e leader leghista, che già in precedenza aveva già espresso sui social le sue preferenze.
Immediato il diluvio di tweet dei follower del ministro, mentre Ultimo in conferenza stampa replica all’apprezzamento: “Quando canto delle canzoni non sono più mie. Quindi mi fa piacere che piacciano a Salvini, al muratore, al fornaio, a tutti”

Mahmood vince Sanremo 2019, ‘lite’ tra Salvini e Isoardi
Il vicepremier su Twitter: “Io avrei scelto Ultimo”. La replica della sua ex

A celebrare la vittoria di Mahmood invece ci pensa Elisa Isoardi che su Instagram scrive: “Mahmood ha appena vinto il festival di Sanremo. La dimostrazione che l’incontro di culture differenti genera bellezza. #top #culture”.

 

E lo stesso vincitore taglia corto: “Io sono un ragazzo italiano, sono un ragazzo italiano al 100%. Mia madre è sarda e mio padre è egiziano ma io sono nato e vivo a Milano”
Mahmood, il testo di Soldi

Il testo di Soldi di Mahmood, scritto con Dardust e Charlie Charles, è come se viaggiasse per immagini impresse, quelle che lascia il ricordo di un padre che se ne è andato e non è più tornato. Senti un verso, e visualizzi la scena. Senti il secondo, e sei già dentro la sua storia, come fosse un incantesimo. Si parla delle periferie, di interni in cui si fuma il narghilè e si beve champagne. C’è il Ramadan, ma anche Jackie Chan. E tu già ti senti su un divano, in una stanza, mentre sorseggi le tue bollicine e guardi la TV, facendo qualcosa (vedi lo champagne durante il Ramadan) che forse, per regole imposte, dovresti evitare.

In periferia fa molto caldo
Mamma stai tranquilla sto arrivando
Te la prenderai per un bugiardo
Ti sembrava amore era altro
Beve champagne sotto Ramadan
Alla TV danno Jackie Chan
Fuma narghilè mi chiede come va

E poi irrompe il ricordo (di un padre) quando meno te lo aspetti e per dirti che in fondo quello è un ingrediente che fa parte del tuo quotidiano e lo plasma. Come le paure, l’attesa e il dubbio che forse si stava insieme per i motivi sbagliati (vedi i soldi)…

Mi chiede come va come va come va
Sai già come va come va come va
Penso più veloce per capire se domani tu mi fregherai
Non ho tempo per chiarire perché solo ora so cosa sei
È difficile stare al mondo quando perdi l’orgoglio lasci casa in un giorno
Tu dimmi se
Pensavi solo ai soldi soldi
Come se avessi avuto soldi

E quindi ti fai le domande, quelle che non vorresti farti…

Dimmi se ti manco o te ne fotti
Mi chiedevi come va come va come va
Adesso come va come va come va
Ciò che devi dire non l’hai detto
Tradire è una pallottola nel petto
Prendi tutta la tua carità
Menti a casa ma lo sai che lo sa
Su una sedia lei mi chiederà
Mi chiede come va come va come va
Sai già come va come va come va

E ti fai sorgere sospetti, quelli che vorresti sempre allontanare…

Penso più veloce per capire se domani tu mi fregherai
Non ho tempo per chiarire perché solo ora so cosa sei

E ti accorgi che rischi di perdere l’orgoglio, di umiliarti, quando vorresti che tutto sia più semplice. In fondo, però, più che ricordare, stai invocando l’affetto che ti è mancato…

È difficile stare al mondo
Quando perdi l’orgoglio
Ho capito in un secondo che tu da me
Volevi solo soldi
Come se avessi avuto soldi
Prima mi parlavi fino a tardi
Mi chiedevi come va come va come va
Adesso come va come va come va
Waladi waladi habibi ta’aleena
Mi dicevi giocando giocando con aria fiera
Waladi waladi habibi sembrava vera
La voglia la voglia di tornare come prima
Io da te non ho voluto soldi…
È difficile stare al mondo
Quando perdi l’orgoglio
Lasci casa in un giorno
Tu dimmi se
Volevi solo soldi soldi

La domanda che rimane è dove sei ora, papà…

Come se avessi avuto soldi
Lasci la città ma nessuno lo sa
Ieri eri qua ora dove sei papà
Mi chiedi come va come va come va
Sai già come va come va come va

 

di Ida Di Grazia su Leggo.it : abbiamo seguito la diretta della Conferenza stampa con il vincitore del Festival di Sanremo 2019 Mahamood che ha confermato la sua partecipazione all’Eurovision Song Contest 2019 che si svolgerà a maggio presso l’Expo di Tel Aviv. Chi non l’ha presa bene, invece, è Ultimo che è fusioso per il suo piazzamento

LA CONFERENZA CON IL VINCITORE DEL FESTIVAL SU LEGGO.IT di Ida Di Grazia

01.59 I giornalisti chiedono a Mahamood se parteciperà all’Eurovision, la sua risposta è stata: «Avoja, ma che scherzi! Sto già là. Grazie a tutti e ovviamente grazie a mamma»

01.56 A proposito delle polemiche sui migranti ha detto: « Io sono un ragazzo italiano, nato e cresciuto a Milano. Sono italiano al 100%. Sono fan di tutto e di niente. Ascolto qualsiasi cosa. Quando mi chiedono che genere faccia rispondo ‘Marocco-pop’». 01.53 Entra Mahamood: «Io la percezione mia di crescita a livello mediatico non ce l’ho mai. da quando ho vinto Sanremo giovani fino ad ora , ho lavorato ancora a “soldi”».

01.50 Arriva anche Daniele Silvestri super sorridente che conferma quanto detto da Ultimo, e cerca di smorzare un po’ i toni: «La prima parola è grazie. Vale per tutti, quando il risultato arriva, non si può che essere felici».

01.48 Ultimo: «Io vi sembro incazzato? Sono sincero, non sono uno che, al contrario di altri, ha bisogno di crearsi un velo di finzione davanti. Qui gli artisti vengono con un’idea ben precisa. Non son arrabbiato, ce l’ho con me stesso, sono amareggiato perchè io punto all’eccellente».

01.45 gli chiedono del tweet di Salvini che tifava per lui: «per me è indifferente, io scrivo canzoni poi le lascio andare».

01.42 Ultimo: «Non ho mai avuto la pretesa di venire qui e vincere come invece avete scritto voi. Mi sono sempre grattato, ma non è servito. La mia vittoria sono i live, le gente che mi vuole bene e che si riconosce in ciò che scrivo, al contrario di tanti giornalisti che in questa settimana hanno avuto la presunzione di giudicare tramite un’esibizione la carriera degli artisti per iprossimi 20 anni . Sono contento per il “ragazzo” Mahmood» , la sala stampa rumoreggia per l’uso del termine ragazzo «di quello che dite voi non me ne frega un ca**, io sono contento per lui».

01.35 inzia la conferenza stampa con i tre vincitori. Si parte con il Volo che commentano così il loro terzo posto «Siamo arrivati senza aspettative, siamo felici per Mahmood, non siamo venuti al festival con la presunzione di vincere. Per noi è una grande vittoria essere arrivati terzi».

Mahmood, chi è il cantante di Soldi

Si chiama Alessandro Mahmoud, ha madre italiana e padre egiziano e il suo nome d’arte è come se giocasse tra il suo vero cognome e la parola “mood”. Questo per dirti fin da subito che lui crea atmosfere, mondi e storie in cui potresti tuffarti. La sua musica è una brezza leggera che ti sfiora, e che ti fa voltare per capirne la magia. Se qualcuno volesse, tipo Spotify, definire il suo genere, parlerebbe di urban. A questo, poi, si potrebbe aggiungere, senza tema di errore, l’aggettivo “pop”. Nelle sue canzoni c’è l’aria delle metropoli, lo stacco singhiozzante delle periferie, il ritmo delle culture che si mescolano, le sfumature tra il rap e l’RnB, le scene in cui in molti si ritrovano, tipo quando devi passare l’estate in città e tutti sono al mare (Milano good vibes).

 

A Sanremo 2019 si è presentato tra i big in gara con la canzone Soldi, e questo è stato l’approdo al Teatro Ariston dopo la vittoria nel 2016 a Sanremo Giovani, quando aveva ancora 24 anni e dove aveva portato il brano Dimentica. All’attivo Mahmood ha un EP, Gioventù Bruciata (uscito a settembre 2018), e niente album. Epperò.

Il cantante non è uno che nel mondo della musica sotto i riflettori ci è entrato solo ora. Anzi, ha preso qualche porta in faccia, si è piegato, si è rialzato, ha cambiato rotta, è tornato sui suoi passi, e poi si è messo a scrivere canzoni anche per altri. Detto con la sua storia e le sue esperienze, Mahmood aveva partecipato nel 2012 a X Factor, era stato eliminato alla terza puntata e lì c’era stata una prima battuta d’arresto, ma non casuale. Si era preso il suo tempo per studiare pianoforte, cominciare a capire le meccaniche della scrittura e fare esperienze varie. Nel 2016 è ricominciato tutto: ha partecipato a Sanremo Giovani con Dimentica e l’anno dopo ha collaborato con Fabri Fibra per il singolo Luna. Nel 2018 ha scritto insieme ad altri autori Sobrio di Gué Pequeno e Nero Bali di Elodie. A queste si è aggiunta, di recente, Hola (I Say), la canzone che Marco Mengoni ha cantato a Sanremo 2019 con Tom Walker. Di questo brano è autore insieme a Francesco Catitti (oltre Marco Mengoni e Tom Walker).

Per il Festival della canzone italiana, 69esima edizione, ha deciso di prendere quota definitivamente, e noi tifiamo per lui, perché è molto bravo.

#Sanremo2019Classificafinale La classifica finale del #Festival di #Sanremo2019

PRIMO CLASSIFICATO: Mahmood
SECONDO CLASSIFICATO: Ultimo
TERZO CLASSIFICATO: Il Volo

La classifica dal 4º al 24esimo posto del #FestivaldiSanremo2019

04 – Loredana Bertè
05 – Cristicchi
06 – Silvestri
07 – Irama
08 – Arisa
09 – Achille Lauro
10 – Enrico Nigiotti
11 – Boomdabash
12 – Ghemon
13 – Ex Otago
14 – Motta
15 – Francesco Renga
16 – Paola Turci
17 – The Zen Circus
18 – Federica Carta e Shade
19 – Nek
20 – Negrita
21 – Patty Pravo e Briga
22 – Anna Tatangelo
23 – Einar
24 – Nino D’Angelo e Livio Cori

Condividi subito