IL RITORNO DEI TEMPLARI

Condividi subito

L’ordine dei templari nasce intorno al 1118-1119 dall’idea di Hugues de Payns. Erano monaci e soldati al tempo stesso, saranno al centro delle cronache per tutto il periodo medievale. Saranno la soluzione perfetta per difendere dai banditi che depredavano e uccidevano senza scrupoli i pellegrini che provenienti da tutta europa incontravano lungo l’interminabile cammino che li portava fino alla terra santa. Nascono come una milizia autorizzata ad uccidere e, saranno tante le nefandezze che l’ordine compirà nel nome della croce. Nel 1312 papa Clemente V scioglie l’ordine. Qualche anno dopo, morirà anche l’ultimo maestro dei templari, Jacques de Molay. L’impronta storica lasciata dai templari è notevole, basti pensare alle numerose pubblicazioni dedicate alla loro memoria, e, in modo particolare quelle riguardanti il sacro Graal, il quale, pare sia stato custodito e nascosto tra gli averi dei soldati di Cristo. La notizia arriva da Roma. E’ la primavera del 2018, i cavalieri templari sembra si stiano riorganizzando. Si tratta di semplici cattolici, attratti dai valori templari che hanno trovato un nuovo modo di vivere la fede confluendo nell’associazione dei “templari cattolici d’Italia”; una delle più grandi organizzazioni che ricorda con nostalgia le gesta dei crociati.

Condividi subito

Angela Minici

La Basilicata possiede un enorme patrimonio culturale fatto di castelli, miti, leggende e tradizioni popolari. Farli riviere significa non dimenticare, portarli avanti permette di affidarli alla memoria delle generazioni future.