FAVORI E PRESTAZIONI SESSUALI: PM ARRESTATO

Condividi subito

Emilio Arnesano, pubblico ministero a Lecce, è stato arrestato e trasferito in carcere su ordine del gip di Potenza, nell’ambito di un’inchiesta della Procura della Repubblica del capoluogo lucano su favori e prestazioni sessuali ottenuti dal magistrato. E’ stata disposto anche il sequestro di un’imbarcazione e di oltre 18 mila euro nei confronti del magistrato, “in quanto profitto del reato di corruzione”. In carcere anche Carlo Siciliano, dirigente dell’Asl di Lecce. Il gip di Potenza, inoltre, ha disposto gli arresti domiciliari per Ottavio Narracci, direttore generale dell’Asl di Lecce, per i due dirigenti, Giorgio Trianni e Giuseppe Rollo, e per l’avvocato Benedetta Martina. Inoltre, è stato ordinato il divieto di dimora a Lecce dell’avvocato Salvatore Antonio Ciardo. Le indagini della Procura di Potenza hanno fatto emergere numerosi episodi che dimostrano, per gli inquirenti, come il Pm Arnesano abusava e vendeva la propria funzione di magistrato. Arnesano è risultato protagonista di episodi di corruzione in atti giudiziari, di induzione a dare o promettere utilità e di abuso di ufficio. Arnesano lo faceva, per l’accusa, in cambio di favori vari tra cui quello di ottenere incontri sessuali. Tra questi, gli investigatori hanno registrato quelli con l’avvocato Benedetta Martina che si vedeva pilotati i procedimenti nei quali erano indagati suoi assistiti. Coinvolta anche una amica di Martina che avrebbe ricevuto in anticipo le domande della prova orale dell’esame di avvocato dopo aver accettato la prestazione sessuale col pm arrestato. Sul filone che ha travolto l’Asl di Lecce,la Procura di Potenza ha accertato che il pm garantiva l’esito positivo dei processi a carico dei dirigenti indagati in cambio di diverse utilità tra cui soggiorni gratuiti e imbarcazioni a prezzo di saldo.

Condividi subito

Ferdinando Moliterni

3807454583