«NESSUNO HA CONTROLLATO SUI RIFIUTI ENI»

Condividi subito

Lo staff dei consulenti tecnici della Procura ha confermato l’indebita miscelazione e gestione dei rifiuti liquidi all’interno del Cova nonchè l’uso di codici Cer non idonei per la loro classificazione. Classificazione che presentava gravi anomalie Questo e altri importanti aggiornamenti sono emersi nell’ultima pesante udienza del processo Petrolgate riguardante le estrazioni petrolifere in Basilicata nel quale sono imputate 47 persone e dieci società tra cui l’Eni. Nelle due vasche del Cova ci finivano e venivano miscelati rifiuti pericolosi e non pericolosi. Così come nel pozzo di reinizione CostaMolina2, è stato detto in aula, venivano sparati anche flussi che non corrispondevano ad acque di strato così come previsto poichè contenenti sostanze, come le ammine, glicole e altri composti chimici assolutamente vietati. Tra l’altro è stato riscontrato come l’Eni non ricercava neanche le ammine nelle acque provenienti dalle due vasche del Cova. Per questo non le trovava Così come non aveva analisi complete sulla descrizione e composizione chimica dei flussi, acquosi, gassosi e oliosi, all’origine. Anche sul fronte autorizzazioni non poche irregolarità sono state riscontrate. Gli Enti e gli organi di controllo non hanno controllato e vigilitato, ma hanno «accettato passivamente ciò che l’Eni dichiarava». Regione e Arpab, per esempio, delegavano in pratica, così come detto in aula, il controllo al controllato, l’Eni. Addirittura nell’Aia non c’era nemmeno l’elenco e la classificazione dei rifiuti che il Cova produceva. Mancavano i presupposti per svolgere rigorosi controlli. Il movente: i soldi, un fiume di milioni. Il Cova di Viggiano, secondo l’accusa, produceva, in concomitanza con l’attività di estrazione petrolifera, ingenti quantitativi di rifiuti speciali pericolosi, che venivano qualificati dal management dell’Eni «in maniera del tutto arbitraria, illecita e come non pericolosi» anche al fine di attuare una gestione notevolmente più economica. Per esempio, relativamente a determinati rifiuti, risparmiando dai sette fino a oltre 50 euro a tonnellata. Il processo tornerà in aula, nel Tribunale di Potenza, a dicembre

Condividi subito

Ferdinando Moliterni

3807454583