Le Cronache Lucane

VITTORIA A METÀ PER IL GLADIATORE

Pittella resta sospeso: rinvio tecnico della Cassazione al Riesame

Marcello Pittella è partito dalla Basilicata per Roma da governatore sospeso ed è tornato a Lauria con lo stesso status politico. Nonostante in mezzo ci sia stata l’udienza in Cassazione sul suo ricorso per l’inchiesta Sanitopoli. La quinta sezione penale della Cassazione ha deciso: «annullamento con rinvio». Tre parole che per Pittella significano una vittoria giudiziaria a metà. L’accoglimento degli ermellini è un mero fatto tecnico. In quanto per tradurre il tutto in maniera semplice i giudici non sono entrati nel merito del ricorso. È stata annullata la decisione del Riesame verosimilmente per insufficienza di motivazioni. Non c’è stato un pronunciamento sulla corretta corrispondenza e applicazione, del Gip prima e del Riesame poi, della misura cautelare degli arresti domiciliari sulla base dell’impianto accusatorio così come fissato dalle indagini sui concorsi e gli appalti truccati nella sanità lucana. Pittella era finito primo ai domiciliari e poi il 24 settembre  a seguito della chiusura delle indagini preliminari la misura cautelare gli era stata affievolita in quanto tramutata nel divieto di dimora a Potenza. Restrizione che politicamente comunque ha rappresentato, e lo rappresenta ancora, una condanna. Perché  per effetto della legge Severino è scattata la sospensione dalla carica di governatore. Sospensione che a tutt’oggi, anche dopo la pronunzia della Cassazione, è valida e vigente. Pittella non può ancora tornare in Regione. Il caso tornerà al Riesame di Potenza  che dovrà rivalutarlo, sulla base delle indicazioni che i giudici di piazza Cavour illustreranno con il deposito della sentenza che, di norma, avviene entro un mese. Nel frattempo Pittella resta sospeso.

Condividi subito

Ferdinando Moliterni

3807454583

Le Cronache Lucane
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com