TRAGEDIA SUI BINARI: MORTO OPERAIO LUCANO

Condividi subito

E’ il 35enne Nicola Di Sanzo di Rotonda l’operaio ucciso all’alba di venerdì mattina a Rondelle, in provincia di Brescia, travolto da un treno diretto a Milano. Sulla morte dell’operaio la Procura lombarda ha aperto un fascicolo per omicidio colposo. Ancora da chiarire l’esatta dinamica di della tragedia. Di Sanzo in quel cantiere lavorava sui binari come dipendente di un’azienda incaricata per conto della Rete Ferroviaria Italiana a svolgere lavori di manutenzione sulla linea. Il tremendo impatto con il treno in corsa non ha lasciato scampo al lucano. Inutili i soccorsi, Di Sanzo è morto sul colpo. I sindacati  esprimendo la loro solidarietà ai familiari dell’operaio, sposato e con figlio, non riescono a spiegarsi il perchè dell’ennesima morte sul lavoro e hanno denunciato che: “Le persone lavoravano su un tratto di binario escluso dal traffico ferroviario”. Immediato anche il cordoglio del sindaco di Rotonda: “Una tragedia che lascia senza parole – ha dichiarato Rocco Bruno -. Solo tanta tristezza e sconforto. Morire così giovani, sul posto di lavoro. Tanti, troppi incidenti. Rotonda piange l’ennesima scomparsa avvenuta per circostanze simili”.

Condividi subito