FARMACISTA HARD: CHIESTI 9 ANNI DI CARCERE

Condividi subito

Nove anni e quattro mesi di reclusione. È questa la pena invocata dal pm Veronica Calcagno al Gup di Potenza Verrastro per il noto farmacista 60enne del capoluogo lucano Rudy Perri. Perri ha optato per l’abbreviato condizionato, rito che gli consentirà, nell’eventualità di una condanna, di ottenere uno sconto. La richiesta dell’accusa è stata di 14 anni, poi ridotta a 9 anni e quattro mesi. Nella stessa udienza oltre la requisitoria del pm hanno discusso anche i legali delle vittime costituitesi parti civili. Oltre sei tra cui una minorenne e c’è anche l’associazione Telefono Donna. Perri è accusato di violenza sessuale aggravata e continuata, di pedopornografia e di illecita interferenza nella vita privata delle vittime con l’aggravante che questi reati sono avvenuti nel suo ruolo di farmacista e all’interno della farmacia stessa. L’omonima farmacia oltre ad essere storica nel capoluogo è situata proprio nel pieno del centro storico della città. I fatti contestati a Perri vanno dall’estate del 2015 a settembre del 2016. Il farmacista filmava con telecamere nascoste piazzate nel bagno di servizio della farmacia, come emerge dai video originali acquisiti dagli investigatori a casa di Perri, le ignare pazienti nel mentre si spalmavano sulla vagina una “pomata magica” da lui consigliata e da lui creata. Il farmacista glie la faceva applicare all’istante perchè solo così sarebbero pienamente emerse le proprietà spermicida tanto decantate. Perri attuava un modus operandi preciso e schematico. Invitava le giovani, che volevano appurare se erano in stato di gravidanza o meno, a recarsi in farmacia prima del’orario di apertura pomeridiana. Poi effettuava un test delle urine, con un tester che lui stesso, come denunciato dalle vittime, reggeva. Poi sulla base di fantomatici esiti, suggeriva l’applicazione della pomata. A questo punto la prescrizione finale: la pomata per essere efficace doveva essere applicata subito e dopo atti masturbatori.  A fine mese l’udienza nella quale la parola passerà alla difesa e poi la sentenza.

Condividi subito

Ferdinando Moliterni

3807454583