NON SI FERMA ALL’ALT E SPERONA I CARABINIERI

Condividi subito

I Carabinieri hanno tratto in arresto in flagranza di reato un 28enne di Melfi, ritenuto responsabile di violazione degli obblighi impostigli dalla sorveglianza speciale, resistenza a un Pubblico Ufficiale e possesso ingiustificato di arnesi atti allo scasso. In particolare, i Carabinieri, durante un controllo nell’area industriale, insospettitisi dopo aver notato aggirarsi con circospezione nella zona un’autovettura con a bordo il giovane, già noto alle forze dell’ordine, gli intimavano l’alt.
Il giovane ha da prima simulando la fermata, ma poi è ripartito a folle velocità. È partito così un lungo inseguimento durato per oltre 15 chilometri, durante il quale il 28enne ha tento più volte di speronare l’autovettura dei Carabinieri. Arrivati all imbocco autostradale per Candela il giovane ha abbandonato l’auto ed è scappato nelle campagne circostanti. All’interno del mezzo sono stati rinvenuti un grosso tubo in ferro, coltelli e cacciaviti. Immediatamente, essendo state diramate le ricerche, i Carabinieri sono riusciti a rintracciare dopo poco il ragazzo, mentre era a bordo di un auto insieme a un parente che era corso a recuperalo nelle campagne prima di Candela per farlo rientrare a Melfi. Bloccato e perquisito il giovane è stato trovato anche in possesso di mezzo grammo di hascisc

Condividi subito