PUBBLICITÀ PER BRAIA, PAGHIAMO NOI

Condividi subito

Nel mese di dicembre la campagna elettorale delle regionali sarà nel vivo dell’agone politico. Nel bel mezzo della contesa per la scalata alla Regione, l’assessore regionale all’Agricoltura, Luca Braia, ha ben pensato, a lavori consiliari e di Giunta praticamente in stand by per la prossimità dell’impegno elettorale, di fare una due giorni trionfale per celebrare l’assessorato che regge. Il tutto sarà finanziato, manco a dirlo, con soldi pubblici.  Braia ha convocato a Matera per il sei e sette dicembre prossimo “Gli Stati Generali dell’Agricoltura”. L’evento costerà ai lucani ben oltre 105 mila euro circa.  Gli Stati generali dell’agricoltura non sono un evento annuale a cadenza fissa. Non esiste un mese dell’anno nel quale storicamente si svolge l’iniziativa. Da qui il primo interrogativo. Perchè convocarli proprio a dicembre in piena campagna elettorale? In secondo luogo senza motivazioni apparenti è stata scelta Matera come location. Perchè, ed è il secondo interrogativo, non designare il capoluogo lucano Potenza? La due giorni di Braia, che è di Matera e ha delle mire sulla presidenza della Regione, ha ricamato virtualmente addosso il vestito dello spot elettorale finanziato con soldi pubblici. Analizzando inoltre l’appalto per affidare la gestione dell’evento emerge più di un passaggio equivoco.

Ulteriori approfondimenti nell’edizione del Roma in edicola

 

Condividi subito

Ferdinando Moliterni

3807454583