IL BASENTO: UN FIUME DI SCHIUMA. I CARABINIERI INDAGANO, SI TEME L’INQUINAMENTO

Condividi subito

di Maria Fedota

POTENZA. È comparsa della vistosa schiuma bianca ieri mattina intorno alle 11 lungo il corso del fiume Basento. Le immagini sono eloquenti e mostrano come sull’acqua galleggiasse del materiale bianco che in pochi minuti ha ricoperto l’intero corso d’acqua. La segnalazione è arrivata, in vari momenti della giornata, da cittadini che – preoccupati per la salute del corso d’acqua – hanno subito dato l’allarme denunciando una situazione di pericolo nel tratto di via della Meccanica. Proprio nel cuore della città, nell’acqua hanno notato la presenza di schiuma, presumibilmente dovuta a sostanze inquinanti e la preoccupazione per questa situazione ha portato alcuni a scattare fotografie e a registrare video diventati virali in pochissimi minuti. Non solo. Numerose segnalazioni di cittadini sono giunte anche ai carabinieri Forestali del Nucleo investigativo di polizia ambientale agroalimentare e forestale di Potenza, che unitamente al gruppo di Tito stanno svolgendo delle indagini urgenti per controllare e individuare la possibile fonte dell’inquinamento. Sono in corso accertamenti per chiarire la dinamica dei fatti, la portata dell’inquinamento e la completa identificazione dei responsabili. Sul posto oltre ai militari è giunta anche una pattuglia della Polizia Locale. La preoccupazione dei cittadini però potrà essere placata solo dalle indagini dei militari, visto che Comune e Arpa interpellati dalla nostra redazione non erano a conoscenza dell’episodio avvenuto in mattinata. Il sindaco di Potenza sulla questione ci ha detto di non poter rispondere alle nostre domande perchè essendo fuori città non era ancora stato messo a conoscenza dell’episodio. Nessuna spiegazione neanche dagli uffici Arpab. Nonostante abbiano ricevuto da prassi l’allarme dai Carabinieri il tecnico che ci ha risposto ci ha semplicemente detto di richiamare perché di venerdì gli uffici sono chiusi. L’uni ad essere “giustificato” è l’assessore all’Ambiente, Rocco Coviello, perchè all’estero. Insomma, il primo cittadino che è un autorità responsabile della condizione di salute della popolazione del suo territorio in realtà era allo scuro di tutto e l’Agenzia regionale per la tutela ambientale a quanto pare risulta “chiusa per ferie”. E così recuperate le poche informazioni dai Carabinieri Forestali di Potenza ci si aspetta di assistere a un lento, ma costante miglioramento della situazione, quindi la presenza di inquinanti è fonte di allarme vista la quantità elevata. Ma a quanto pare oltre alla stampa e ai cittadini a poche istituzioni interessa capirne le motivazioni.

Condividi subito