Pascal Albanese è l’assassino di Sofiya Melnyk?

Condividi subito

Pascal Albanese è l’assassino di Sofiya Melnyk?

Abbiamo intervistato su questo caso la criminologa Ursula Franco, consulente della difesa in importanti casi giudiziari.

Dottoressa Franco si è fatta un’idea su chi possa essere l’assassino della bella Sofiya Melnyk?

Nel caso dell’omicidio di Sofiya Melnyk non c’è spazio per ipotesi alternative, l’ha uccisa il suo compagno, Pascal Albanese 

Con il suo suicidio Pascal ha firmato a chiare lettere l’omicidio, egli si è infatti suicidato dieci giorni dopo la scomparsa della sua compagna, ben prima che ne venisse ritrovato il cadavere, una conferma del fatto che era a conoscenza della morte di Sofiya perché era stato lui a provocarla.

 

Pascal potrebbe essere stato ucciso da qualcuno che poi ne ha simulato il suicidio?

No, lo escludo, come lei ben sa, sono allergica alle dietrologie che sono il peggior nemico della verità. Pascal si è suicidato impiccandosi, ha lasciato tre biglietti e non ci sono segni di colluttazione sul suo cadavere.

 

Su quali basi afferma che ad uccidere Sofiya Melnyk è stato Pascal Albanese?

Poco prima della scomparsa della Melnyk, alla notizia che Sofiya aveva intenzione di andarsene da casa per iniziare una nuova vita con un altro uomo, Pascal aveva avuto una reazione violenta nei suoi confronti, un particolare che è stato riferito agli inquirenti da una amica/confidente di Sofiya; Pascal Albanese non ha denunciato la scomparsa di Sofiya ma l’ha fatto un amante della donna, che, tra l’altro, a differenza di Pascal, non viveva con lei; l’auto di Sofiya è stata ripresa da una telecamera vicino al luogo del ritrovamento del suo cadavere e le chiavi della stessa sono state ritrovate nella casa in cui vivevano Sofiya e Pascal; Pascal Albanese ha mentito quando ha riferito agli inquirenti che Sofiya era uscita di casa vestita da sera; Pascal ha mentito sulla gelateria in cui sarebbero stati insieme poco prima della scomparsa di Sofiya.

Che cosa pensa delle telefonate tra i due di cui la trasmissione “Chi l’ha visto?” ha mandato in onda le registrazioni?

Le registrazioni delle telefonate tra Pascal e Sofiya sono un’ulteriore conferma che ad uccidere Sofiya è stato Pascal, sono telefonate a senso unico, lei appare fredda e distaccata, lui sdolcinato oltre misura, due chiari segnali che qualcosa non andava nel loro rapporto. Ma soprattutto, mi sembra che sia sfuggito a coloro che erano presenti in studio che quelle mandate in onda non sono registrazioni di conversazioni di due soggetti che non erano a conoscenza di essere intercettati, è stato Pascal a registrare le telefonate e lo ha fatto per uno scopo preciso. Pascal Albanese, in quelle telefonate, ha parlato agli inquirenti non a Sofiya, gli investigatori americani dicono che un soggetto che sa di essere registrato parla ad un “undisclosed recipient” ovvero ad un destinatario non svelato.

Pascal ha architettato la storia delle registrazioni perché aveva già in mente di uccidere Sofiya, l’Albanese voleva usare le registrazioni per difendersi da eventuali accuse, per fingere che tra loro andasse tutto bene, per mostrare agli inquirenti di non aver avuto un movente.

 

 

 

Domenico Leccese

 

 

Condividi subito