Le ordinanze dai sindaci dei due comuni interessati sono state emesse a scopo cautelativo e relativamente ai soli usi alimentari

In un comunicato di Acquedotto Lucano RISCONTRI RASSICURANTI SU QUALITÀ ACQUA

Acquedotto Lucano RISCONTRI RASSICURANTI SU QUALITÀ ACQUA POLICORO e NOVA SIRI

Le analisi eseguite da Acquedotto Lucano sulla rete idrica alimentata dal potabilizzatore di Montalbano Jonico (a servizio anche del territorio di Policoro e di quello di Nova Siri Marina) stanno confermando la buona qualità dell’acqua erogata, e nessun superamento dei limiti di trialometani.

Le ordinanze dai sindaci dei due comuni interessati sono state emesse a scopo cautelativo e relativamente ai soli usi alimentari, a seguito degli esiti di un campionamento effettuato dall’Arpab nei giorni scorsi, sulla base del quale risulterebbe il superamento della soglia di trialometani (30 microgrammi per litro).

Si tratterebbe, in sostanza, della conseguenza del normale trattamento di clorazione dell’acqua.

I trialometani (THMs), infatti, si formano nell’acqua destinata al consumo umano soprattutto come risultato della reazione del cloro con la materia organica presente naturalmente nelle acque grezze.

La quantità di THMs che si forma è in relazione alla concentrazione del cloro, della temperatura, del pH.

Tale fenomeno non ha alcuna correlazione con altre problematiche ambientali.

LA VIDEO DICHIARAZIONE DEL SINDACO DI POLICORO ENRICO MASCIA

Mary PADULA

Mary Padula : “La città è preoccupata, vuole capire”

“La città è preoccupata, vuole capire. Gli enti preposti hanno l’obbligo di parlare, non si può stare in silenzio” questa è la richiesta pervenuta in redazione da parte di Policoro Ideale, Policoro Capitale, Policoro rinasce e Forza Policoro. Dal 17 di Aprile è divieto, a Policoro, di utilizzare l’acqua ad uso potabile, la causa? Presenza di trialometani. Non è la prima volta che accade in Basilicata, non è la prima volta che accade nel Metapontino. I gruppi civici di Policoro, come del resto l’Ugl, chiedono maggiore chiarezza ad Aql, chiedono l’intervento del Prefetto di Matera. In giro si registra, tra le attività economiche di somministrazione bevande ed alimenti, forte scoramento. Alle ore 12:00 alcuni bar emettono poco più di 15 scontrini. Il danno c’è, alcune attività danno da mangiare a tre, quattro famiglie, chiedono, in tutta onestà, se fosse possibile somministrare bevande per chi è attrezzato di filtri agli impianti. Nei supermercati è corsa all’ultima cassa d’acqua. Innanzi le scuole, gli asili, le mamme manifestano preoccupazioni per i propri figli. Intanto anche nel vicino comune di Nova Siri si vieta l’utilizzo dell’acqua ad uso potabile. I due comuni del Metapontino resteranno casi isolati? Ora, forse, tutti hanno compreso quanto sia importante l’acqua, quanto sia importante salvaguardare la sua purezza anche da altri fattori, verosimilmente e potenzialmente, inquinanti. Forse ci sarà un’attenzione maggiore nei confronti di coloro che, fino a tre giorni fa, sono stati considerati portatori di fake news.”

(Mary Padula redazione106@icloud.com)

Sindaco ENRICO MASCIA

Su pronta e determinata sollecitazione del sindaco Enrico Mascia gli enti interessati dalla attuale situazione di emergenza stanno dando seguito alla richiesta del comune di Policoro di fare chiarezza su quanto accaduto, a tutela della salute dei concittadini.

 

 

Ecco i primi riscontri da Prefettura ed Egrib

 

Domenico Leccese