È Alice Paccagnella la Vice Campionessa Italiana Slalom 2017 ~ Coppa Femminile

19ª Coppa Città di Picerno ~ Gara Nazionale Slalom Singolo ~ 4º Memorial Canio Vazza 11-12 novembre 2017

La gara di Picerno è stato l’ultimo scenario automobilistico dove si sono finalMENTE incontrate per contendersi il Titolo di CAMPIONE ITALIANO le due DONNE protagoniste della COPPA FEMMINILE.

Una proveniente dalla SICILIA Palermo ENZA ALLOTTA, l’altra dal VENETO Padova ALICE PACCAGNELLA sono riuscite ad unire ed appassionare tutta l’Italia gli appassionati e non solo dello sport automobilistico.

CAMPIONATO ITALIANO SLALOM 2017 ~ Coppa Femminile
1ª ENZA ALLOTTA ~ 2ª ALICE PACCAGNELLA

Chi è ALICE PACCAGNELLA?

INTERVISTA SCOMODA ad Alice Paccagnella

19ª Coppa Città di Picerno 12 novembre 2017

LA PASSIONE SPORTIVA DALLA TERRA VENETA IN BASILICATA PER IL TITOLO NAZIONALE 

Rally Italia Talent / Una giornata “particolare” con Miki Biasion

 

 

 

 

 

Prosegue l’avventura di Rally Italia Talent, il progetto pensato da Renzo Magnani con il patrocinio della Federazione per coniugare l´individuazione di nuovi “assi del traverso” con la rivitalizzazione della specialità dal punto di vista mediatico, come Rally Emotion aveva già spiegato.

La selezione avviene per regioni e coinvolge, come valutatori, tantissimi nomi importanti dei rally italiani. Nello scorso weekend (ndr Marzo) sono avvenute le eliminatorie in Veneto, a cui hanno assistito anche Miki Biasion e Piero Longhi.

Quale occasione migliore per far raccontare questa particolare esperienza da una “esaminata” aspirante pilota, Alice Paccagnella.

“Io in auto con Miki Biasion?

Se qualcuno me l’avesse detto fino a giovedì scorso non ci avrei creduto! Eh già, l’Italia Rally Talent è anche questo.

Ho iniziato a correre per gioco montando in un auto poco più che stradale in un piccolo circuito. Sicuramente non posso dire di avere “esperienza”, ma la passione quella sì, è qualcosa che non ti molla facilmente. Così il Talent sui Rally mi si è presentato e sempre per scherzo mi sono iscritta qualche mese fa.

“Proviamo”, mi dicevo, “Magari ci scappa un giro in pista”. Le convocazioni con il mio nome tra gli iscritti mi ha sorpreso come se non ci credessi che fosse una cosa reale.

E poi finalmente venerdì è arrivato, ci siamo presentati presto io, il mio fidanzato ed un amico, tutti e tre iscritti come piloti.

All’arrivo siamo stati accolti dal sorriso rassicurante di Renzo Magnani o che con una bella accoglienza ci ha illustrato tutta la procedura e l’organizzazione del Talent. Con lo stesso sorriso, alla mia affermazione “anch’io partecipo come pilota” mi ha risposto “Bene! Allora ti facciamo montare con Miki!”..Miki…Miki…Miki Biasion?

Mi stava prendendo in giro? Quel Miki Biasion?

Eh si, dopo una breve presentazione sono montata al posto di guida della 500 con al mio fianco Miki Biasion …penso che non smetterò presto di ripetermelo!

La pista di Adria si apre davanti a noi, il percorso è stato leggermente modificato perchè fosse più guidato, e sono state piazzate delle chicane nei vari rettilinei presenti.

Il primo giro di ricognizione, capire il percorso, studiare le traiettorie e prendere confidenza con l’auto, e poi finalmente i tre giri di pista. Era ben chiaro che quello che sarebbe stato valutato non era la velocità, visto che non era attivo nessun rilevatore di tempi, ma la tecnica di guida, come vanivano affrontate le curve, l’accelerazione, le traiettorie di guida, e poi a dire la verità forse molto altro che solo un’occhio esperto può cogliere. Ho ricevuto dei consigli preziosi da parte dell’osservatore d’eccezione, ci siamo scambiati battute di spirito e in tutto questo mi sono resa conto che la passione per il Rally è qualcosa che può far trovare dei punti in comune anche tra un’inesperta trentenne ed un campione mondiale!

Passati in un lampo quei pochi minuti, rientriamo ai box e mentre il fotografo ci scattava qualche foto, Miki compilava la scheda di valutazione. Nessun commento, non ho idea di cosa abbia scritto. Mi è stato poi spiegato che la mia scheda andrà messa in una grande urna assieme a quelle degli altri partecipanti di tutte le regioni. Al termine delle selezioni verranno aperte e dopo aver oscurato il nome di tutti i partecipanti, saranno selezionate quelle con le migliori valutazioni. I prescelti potranno così proseguire l’avventura del Talent!

Io, soddisfattissima, camminavo ad un metro da terra non tanto per la mia performance alla guida ma per la bellissima esperienza. “Farei altri 10 giri” pensavo mentre mi allontanavo dalla 500 firmata Fassina, quando mi sento chiamare alle mie spalle. È Renzo Magnani che mi domanda di rimontare in un’altra auto assieme a Piero Longhi.

Altro campione, altri due giri di pista! Come rifiutarsi?

Appena terminata l’avventura non avrei mai smesso di ringraziare. Un’esperienza che ti lascia la sensazione che forse davvero c’è qualcuno che pensa ai nuovi talenti e che ha voglia di dare la possibilità di correre anche a chi, sebbene ne abbia le capacità, non ha i mezzi per poter partecipare attivamente a questo bellissimo sport.

Ed il fatto che queste persone siano campioni di quel calibro…da un valore aggiunto impagabile. Grazie!”

Domenico Leccese