IL PICERNO BEFFATO IN CASA, PASSA IL NARDÓ

PICERNO: Ioime 6.5, Salcino 6 (30′ st Ambrosio 6), Agresta 6, Cosentino 5.5, Esposito R. 6 (32′ st Boye sv), Carrieri 6, Impagliazzo 6, Tedesco 6 (1′ st Conte 6), Caponero 6 (7′ st Esposito E. 6), Agnero 6 (30′ st Palladino 6), La Gioia 6. A disp Amato, Conte, Esposito E., Palladino, Sgovio, Ambrosio, Caivano, Morra, Boye. All Arleo 6

NARDÒ: Mirarco 6, Trinchera 6, Cassano 6 (18′ st De Pascalis 6), Gigante 6, Schiavino 6, Versienti 6 (15′ st Caporale 6), Mangone 6, Bolognese 6, Agodirin 6.5 (35′ st Balistrieri 6), Greco 6 (15′ st Palmisano G. 7), Capristo 6 (39′ st Bertacchi sv). A disp Cavana, Caporale, Pascalis, Bertacchi, Palmisano G., Cicerello, Palmisano A., Cavaliere, Balestrieri. All Taurino 6

ARBITRO: Romaniello di Napoli 6

RETI: 24′ st Palmisano

NOTE: ammoniti Carrieri, Agnero, Gigante, Bolognese, Ioime, Esposito E., Boye. Allontanato il tecnico Arleo.

PICERNO. A soli tre giorni dalla sfida di campionato il Picerno e il Nardò si ritrovano per il match a eliminazione diretta di Coppa. Sul campo del Curcio va in scena una sfida che si porta dietro le forti polemiche successive al ricordo dei pugliesi dopo il ko in campionato. Il nervosismo è evidente anche tra i giocatori sul terreno di gioco, con avvio di gara che vede i melandrini più propositivi, ma che vede anche fioccare più cartellini gialli che vere occasioni da gol. Le due squadre arrivano alla sfida con formazioni sperimentali: Arleo lascia in panchina il capitano Esposito, Cruz non convocato e in attacco c’è Agnero con la maglia da titolare. Il Nardò prova a sorprendere i melandrini con tre occasioni: Capristo, Agodirin e ancora Capristo esaltano Ioime, oggi capitano, che chiude tutti i varchi. Alla mezz’ora il Picerno prova a cambiare la storia della partita con un gol di Carrieri, ma l’arbitro interrompe il gioco e annulla la rete del difensore. Nel finale della prima frazione è ancora un ispiratissimo Agodirin a sfiorare il vantaggio per il Nardò con una conclusione che fa la barba al palo a Ioime battuto. Inevitabile la girandola dei cambi nella ripresa con i tecnici che poco alla volta mandano sul terreno di gioco le prime linee. A inizio secondo tempo l’occasione migliore per i melandrini arriva sui piedi di Conte, ma Schiavino si fa trovare pronto e salva sulla linea di porta strozzando in gola l’urlo del Curcio. La partita si apre, ci provano da fuori Agodirin, Gigante e Conte, ma senza mai trovare lo specchio della porta. Al quarto d’ora prova a suonare la carica Esposito, ma la conclusione si stampa sulla traversa. Poco dopo arriva la beffa: Cosentino non aggancia bene il pallone, Agodirin serve al centro Palmisano che da distanza ravvicinata insacca per il vantaggio degli ospiti. Ci si aspetta la reazione del Picerno ma è il Nardò a sfiorare il raddoppio, con Palmisano che sbaglia impattando male. Il finale è ancora nervoso con il tecnico Arleo che viene allontanato dalla panchina, il Picerno prova l’assalto finale ma senza fortuna. A passare il turno è il Nardò.