IL SIOUX LUCANO PRONTO PER LA DIFESA DELL’EUROPEO DEI MEDI

Condividi subito

di Leonardo Pisani

Trattativa privata ed i Cherchi della OPI 2000 la spuntano anche questa volta: l’europeo si farà in Italia, sede da stabilirsi e forse a novembre ma l’importante è che l’unico campione continentale della noble art, Emanuele Blandamura potrà difendere il suo titolo nel Bel Paese. L’alternativa doveva essere la Polonia, in casa dell’emergente sfidante Kamil Szeremeta, numero uno delle classifiche europee e soprattutto seguitissimo e idolo sportivo nazionale. Il polacco ha ventisette anni, un record immacolato di 16 vittorie e con sole due prima del limite. Insomma un peso medio tecnico ma senza potenza; poi ha sempre combattuto in casa.

Nessun avversario di nome se non Artem Karpets, ma ex superwelter e affrontato nella fase discendente e l’ex mondiale Kassim Ouma, anche egli a fine carriera. Insomma, un pugile emergente e di belle speranze, ma dovrà affrontare Blandamura in una situazione nuova: ovvero in un ring dove sarà solo con il Sioux Lucano e fuori casa. Blandamura, invece all’estero ha sempre combattuto da dilettante e da professionista, andando anche a vincere un titolo dell’Unione Europea. Negli ultimi giorni ha aiutato l’ex mondiale Giovanni De Carolis nella preparazione, facendo sparring – purtroppo l’ex mondiale supermedi ha perso contro l’ucraino Viktor Polyakov lo scorso lunedì. Ora qualche giorno di vacanza, poi il “Sioux Lucano” riprenderà gli allenamenti con un po’ di potenziamento fisico e aerobico, poi scenderà qualche giorno dai familiari a Ferrandina e Matera e verrà nella nostra redazione di Potenza. Dopo, solo e soltanto allenamento per la sua seconda difesa del titolo europeo.

Condividi subito