Il dramma stamani durante la gara di Slalom 6° Trofeo Città di Piedimonte.

 

PIEDIMONTE ETNEO. Si è trasformato in un dramma per un gruppo di appassionati di gare automobilistiche il 6° Trofeo Città di Piedimonte, corsa di slalom, in programma oggi lungo la strada che collega Fiumefreddo di Sicilia a Piedimonte Etneo.

Uno dei piloti in gara ha perso il controllo della propria vettura uscendo fuori dal percorso prestabilito e travolgendo prima le balle di fieno a protezione e poi alcune persone a bordo pista. Il bilancio del grave incidente sarebbe di sei feriti, uno dei quali gravissimo.

Due sono stati trasportati, dopo essere stati stabilizzati sul posto, in elisoccorso all’ospedale Cannizzaro di Catania.

Sul posto i carabinieri di Piedimonte Etneo e della Compagnia di Randazzo stanno compiendo i rilievi del sinistro.

Il bollettino dell’ospedale Cannizzaro –  Sono entrambi in prognosi riservata i due feriti, coinvolti nella gara automobilistica di stamattina a Piedimonte Etneo, ricoverati all’ospedale Cannizzaro di Catania.

Si tratta di una donna e di un 15enne, entrambi trasferiti con elisoccorso e trattati, in codice rosso, al Trauma Center.

Il ragazzo si trova in condizioni molto gravi, in quanto ha subito un politrauma con lesioni interne: operato d’urgenza, andrà ricoverato in Rianimazione. Politraumatizzata e grave, con una frattura al bacino, è anche la donna: i medici valuteranno a breve il trattamento più idoneo in questa fase.

Da quanto riscontrato con la Centrale Operativa 118 Catania-Ragusa-Siracusa, i feriti nell’incidente in questione sarebbero stati otto: oltre ai due più gravi presi in carico all’ospedale Cannizzaro, gli altri meno gravi sono stati trasferiti all’ospedale di Taormina (due) e a quello di Acireale (quattro). Come riferito dalla dott.ssa Isabella Bartoli, responsabile della Co 118, sono state impiegate nell’intervento due eliambulanze e cinque autoambulanze.

Piedimonte, auto va fuori pista durante una gara
.

Tra gli otto feriti c’è anche un ragazzo di 14 anni

La competizione, organizzata dalla Salerno corse, è stata interrotta e sul posto sono intervenuti i carabinieri di Randazzo. 

«Ci hanno tranquillizzato sullo stato del ferito che sembrava più grave», sostiene Nando Salerno, organizzatore della manifestazione sportiva. Guarda le foto:

Una doppia curva a S e l’automobile, una Ford Sierra, che sbanda e finisce su un muretto sopra e dietro al quale era appostato un gruppo di spettatori.

 

Alla fine, i feriti totali sono otto: tutte persone che erano andate ad assistere al 6° trofeo Città di Piedimonte, organizzato dalla Salerno corse. Il pilota del veicolo coinvolto – proveniente da Malta con tutto il suo team – sarebbe rimasto illeso, mentre l’elisoccorso è intervenuto per portare all’ospedale Cannizzaro almeno due dei feriti, le cui condizioni sin dall’inizio sono sembrate piuttosto gravi.
Si tratterebbe di una donna e di un ragazzino di 14 anni di Fiumefreddo.


La gara si tiene lungo la strada statale 120, nel tratto tra la rotonda del casellodi Fiumefreddo e l’ingresso di Piedimonte. Si tratta di una gara non competitiva e aperta a tutti. Ryan Mangion, 26 anni, è il pilota che non è riuscito a frenare prima di affrontare l’ultima curva, quella che gli avrebbe dato accesso all’unico rettilineo sul percorso. La sua vettura è finita in una piazzola dove si erano sistemati alcuni cittadini. A essere colpiti dall’auto sono stati un uomo, una donna e l’adolescente, questi ultimi due considerati i feriti più gravi. 
«Per fortuna siamo stati tranquillizzati in questo senso – dice Nando Salerno, organizzatore della gara – In un primo momento la situazione sembrava molto più seria, ma pare che alla fine non sia così».
Il condizionale, però, è d’obbligo perché dal nosocomio cittadino non arrivano ancora informazioni a proposito dello stato dei feriti. 
Nel frattempo la gara è stata sospesa e sono intervenuti sul posto i carabinieri di Randazzo e di Piedimonte Etneo. Si trattava di una competizione su un percorso lungo due chilometri, nel corso di una gara di tipo «slalom». «Le zone di pericolo erano ben segnalate – sostiene Salerno – Non avrebbero dovuto stare là. Ci sta che la macchina vada fuori dalla pista. C’erano le forze dell’ordine, ma è impossibile costringere tutte quelle persone ad andarsene. Non si riescono a seguire le norme basilari affinché succedano queste cose».
È il secondo anno di fila che la Salerno corse finisce sulle pagine della cronaca: un anno fa era stata bloccata una competizione che si svolgeva in territorio di Nicolosi, per via di quello che era stato definito un «cortocircuito burocratico».

NANDO SALERNO in nome e per conto “Salerno Corse” comunica :

“La Salerno Corse comunica che, grazie a Dio, i due più gravi feriti dall’incidente, occorso in occasione del Trofeo Città di Piedimonte Etneo, sono fuori pericolo di vita. Ci stiamo interessando in prima persona presso le strutture sanitarie, in cui sono ricoverati gli stessi, monitorando costantemente i vari aggiornamenti.
Facciamo sapere che il tutto è stato accertato dalla Compagnia dei Carabinieri e dalla Procura, che stanno svolgendo i rilevamenti del caso.
Desideriamo e speriamo ricevere solo buone notizie da parte delle strutture ospedaliere in merito al miglioramento delle condizioni dei feriti.
Ci esimiamo dall’esprimere ulteriori parole su questa fatalità e desideriamo che questa rimanga solamente una nostra comunicazione, senza scendere in discussioni in questo momento di banale importanza.”

Domenico Leccese